Cantanti anni 60, 70 e 80, ospiti Vip, tribute band, spettacoli di burlesque, cabaret, animazioni per bambini, teatrino burattini, trampolieri, folk romagnolo, pizzica salentina, ecc... per sagre, locali ed eventi privati.
Per info: 334 2098660
italia-eventi@libero.it

Burlesque

Magia, danza, musica, ventagli, piume e lustrini per vivere una serata unica!

Artisti di strada

I migliori ed originali artisti di strada disponibili per animare feste di piazza, eventi aziendali, centri commerciali, ristoranti e feste di compleanno, feste di laurea, anniversari e matrimoni.

Musica Live

Cantanti anni '60 e '70, tribute e cover band, party band, piano bar, musica jazz, folk e tradizione popolare, musica live napoletana, orchestre, bande, dj per eventi, ...

Attrazioni e allestimenti per eventi

Noleggio water ball, noleggio gabbia per il calcio 3vs3, noleggio gonfiabili, giostra con cavalli, toro meccanico, scenografie, service per concerti, stand, tensostrutture, macchina per lo zucchero filato, carretto dei gelati, ecc ...

Auto d'epoca per eventi

Noleggio Auto d'epoca e non per eventi, matrimoni e campagne pubblicitarie

Frah Quintale in concerto a Ravenna il 24 agosto 2018

Venerdì 24 agosto 2018
Frah Quintale
live Palco della Festa dell'Unità di Ravenna - Festa Nazionale.
INGRESSO GRATUITO

“Con il nuovo disco di Frah Quintale si definisce l’epoca dello street pop in Italia.” - Vice

Il 2018 è l’anno di Frah Quintale. Lo aveva già previsto Rolling Stone che lo scorso anno lo aveva incluso tra i nuovi talenti della scena indipendente su cui scommettere per il futuro. Classe 1989, artista eclettico, un po’ indie un po’ rap, Frah Quintale è una delle grandi rivelazioni della nuova scena musicale italiana. Un pop fresco, che passa attraverso il rap e il cantautorato, originale sia nello stile che nei testi. Parole che arrivano dirette, come missili e che non nascondono la parte più intima di Frah. Si è costruito una maschera gigante che però raffigura la sua faccia e non nasconde nulla: “ti stai mascherando ma stai comunque mostrando il tuo volto» - Frah Quintale

Originale nella sua estetica e con la sua playlist su Spotify, Frah Quintale ha raggiunto e superato i 12 milioni di ascolti su Spotify Affiancato dal produttore trentino Ceri, la prima uscita da solista con l’etichetta indipendente Undamento è stata ad inizio 2016 con il brano “Colpa del Vino”. A fine anno esce l’EP “2004”, che ottiene un buon riscontro di pubblico e dei media musicali. Con la produzione di Ceri, il progetto è stato interamente realizzato in autonomia da Frah Quintale, che ne ha curato le grafiche, i video ed i comunicati stampa, scritti a mano. Dopo le anticipazioni con Lungolinea. , la speciale playlist Spotify creata ad hoc da Frah - un flusso creativo di brani, parti strumentali e messaggi vocali – è uscito il 24 novembre 2017 per Undamento, Regardez Moi, il primo lavoro sulla lunga distanza. Il disco è interamente scritto da Frah.
Dopo un tour invernale di oltre 40 date nei migliori club italiani, raggiungendo quasi sempre il tutto esaurito, e la partecipazione al concertone del primo maggio a Roma, inizierà a fine maggio il “Regardez Moi Summer Tour 2018”, con prima data da headliner il 25/5 al Mi Ami festival. Il 2 maggio esce “Missili”, combo di Frah Quintale con Giorgio Poi, per la produzione di Takagi e Ketra (Undamento, Bomba Dischi, Pltnm Squad). Si vola su “Missili”, la nuova hit dell’estate!

Paul Young e i Los Pacaminos in concerto a Suvereto (LI) il 25 luglio 2018

Paul Young e i  Los Pacaminos in concerto a Suvereto (LI) il 25 luglio 2018

L’autore di Everytime you go e Common People che ha duettato con le più grandi rock star di tutto il mondo presenterà il progetto musicale che più lo diverte da quasi trent’anni! I Los Pacaminos si sono formati a Londra nel novembre del 1992 col desiderio di sconfiggere i lunghi e tristi inverni inglesi suonando la musica che più li appassionava: il tex mex.

Non solo Paul Young ma una rosa straordinaria di musicisti professionisti e amici di lunga data. Tutti i membri dei Los Pacaminos hanno infatti suonato nella band di Paul Young negli anni ottanta ma ad un certo punto hanno deciso di far partire questo progetto parallelo di pura gioia che combina gli stili della musica Mariachi e Conjunto con le sonorità del Country e del Blues. Musica di frontiera illuminata dagli esempi di Ry Cooder, Flaco Jimenez, Texad Tornados e Los Lobos. Non mancano durante i loro concerti classici come "Wooly Bully" e "La Bamba" e, a volte, se c'è abbastanza tequila che scorre, c’è spazio anche per "Speedy Gonzales"!

Sarà un concerto irresistibile e un’occasione unica di godersi da vicino una rockstar mondiale come Paul Young nella dimensione che più lo diverte, sorseggiando un fresco margarita in una caliente sera d’estate!

Info
https://www.facebook.com/comunedisuvereto/

Concerti nelle corti - Rassegna itinerante a Russi (RA) dal 20 luglio al 24 agosto 2018

Al via venerdì 20 luglio la rassegna itinerante che unisce musica e luoghi caratteristici. Primo appuntamento a Palazzo San Giacomo con “Il baule dei sogni”

Concerti nelle corti

Parte venerdì 20 luglio la rassegna itinerante “Concerti nelle corti”, che da qui a fine agosto toccherà le location più suggestive del territorio comunale di Russi, avendo come scenario vecchie corti, antichi cortili e splendide residenze signorili, per salvaguardare preziosi angoli del luogo attraverso le note della buona musica.
L’ingresso all’evento è libero. Per info: tel. 0544 587641.


Venerdì 20 luglio ore 21.00
Palazzo San Giacomo, via Carrarone Rasponi - Russi
Il baule dei sogni

Venerdì 27 luglio ore 21.00
Casa Liverani, via E. Farini 27 - S. Pancrazio
Bevano Est

Venerdì 3 agosto ore 21.00
Villa Ghigi, via Faentina Nord 297 - Godo
Chorus Fantasy Ravenna

Venerdì 10 agosto ore 21.00
Oratorio S. Rosa, via Palazza - Cortina
Sous le ciel de Paris

Venerdì 24 agosto ore 20.30
Cà Masinet, via Chiarantane 2 - Russi
L’uomo con la macchina da presa


Pinta Tra I Dipinti - terza edizione a Casoli di Atri (TE) 19 - 20 - 21 - 22 luglio 2018


Degustazione di oltre 50 birre artigianali nel paese dei murales.
PINTA TRA I DIPINTI compie 3 anni e vuole festeggiare con tutti voi!
Venite a trovarci a Casoli di Atri, un piccolo borgo immerso tra le colline del teramano dove nasce il connubio perfetto tra arte e natura. Oltre ai suoi fantastici scorci dai quali è possibile ammirare la costa adriatica da una parte ed i famosi ed unici calanchi dall'altra, la piazza e il corso sono arricchiti da meravigliosi murales dipinti da artisti di grosso calibro che hanno voluto lasciare il proprio segno su questo bellissimo borgo. Noi di PINTA TRA I DIPINTI vogliamo far conoscere e condividere con voi le nostre opere d'arte affrescate sulle abitazioni storiche del paese, affiancandole alla degustazione di birre esclusivamente artigianali di birrifici autoctoni e non, naturalmente accompagnata da prodotti tipici abruzzesi e con l'intrettenimento di buona musica live.

Programma delle serate:
Giovedì:
ore 20.00 - TOPAZIO
ore 21.00 - NANCO
ore 22.00 - DOGS LOVE COMPANY
a seguire dj set TBOY

Venerdì:
ore 20.00 - MATTEO LUCQUE
ore 21.00 - TONY DI GABRIELE
ore 22.00 - TANGRAM
a seguire dj set BRODY

Sabato:
ore 20.00 - RETROVIRUS TRIO
ore 21.00 - MARCO DE ANNUNTIIS TRIO
ore 22.00 - THE REGGAE CIRCUS di ADRIANO BONO
a seguire dj set CRISI

Domenica:
ore 17.30 —> ZONA ARTE (gara di pittura estemporanea)
ore 20.00 —> GIANMARIA RICCI & CARLA MANCINELLI
ore 21.00 —> TBOY & THE CRAZY SHAKERS
ore 22.30 —> WIDE HIPS *69*

Vi aspettiamo con una pinta in mano!

Apertura stands birra e gastronomia locale ore 19.30
Domenica apertura ore 17.30

Info
WhatsApp: 392-4914864
email: pintatraidipinti@libero.it

MARC CHAGALL. Le favole ed altre storie - Il magnifico racconto di un Maestro dell'arte del Novecento a Recanati dal 5 luglio al 30 settembre 2018


Venti acqueforti di Marc Chagall presentano il linguaggio universale della favola con un magnifico racconto per immagini. La mostra, curata da Andrea Pontalti, propone una ristretta ma significativa selezione di opere dell’artista russo. In mostra anche un olio su tela e una tecnica mista raramente esposti.
Ancora una volta Chagall riesce a stupire con le sue suggestioni, portandoci alla scoperta del mondo con l’animo di un bambino.

“Le Favole” de La Fontaine prendono vita nell’immaginario del grande artista Marc Chagall attraverso la tecnica incisoria e catapultano in quel mondo fantastico che riempie sempre di stupore. Le splendide sale del museo civico di Villa Colloredo Mels a Recanati ospitano la mostra “Marc Chagall. Le favole ed altre storie”, dal 5 luglio al 30 settembre 2018. La mostra, organizzata dalla Società Sistema Museo in collaborazione con The Art Company e con il patrocinio del Comune di Recanati, è curata da Andrea Pontalti e propone una ristretta ma significativa selezione di opere dell’artista russo. Accanto alle illustrazioni de “Le Favole”, in mostra anche due opere raramente esposte, provenienti da una collezione privata italiana, un olio su tela e una tecnica mista di grande suggestione: “Re David suona
la cetra” e “Musicien et danseuse”.

L’originalità dell’arte di Chagall e il suo dinamismo fantastico, che lascia trapelare tutto il mondo interiore di “eterno fanciullo”, pervade anche la sua produzione grafica. Chagall inizia ad illustrare “Le Favole” di La Fontaine a Parigi, nel 1927, su richiesta del mercante d’arte Voillard. Nelle 20 acqueforti in mostra a Recanati l’artista mette l’accento sulla componente mitologica e universale della favola con la consueta padronanza nel posizionamento dei personaggi: le figure sembrano stagliarsi sul foglio come per dominarlo, alla maniera della scrittura ebraica o come nelle icone russe, ricordi presenti della sua infanzia e della sua adolescenza. Ancora una volta Chagall riesce a stupire con le sue suggestioni, portandoci alla scoperta del mondo con l’animo di un bambino.
Il lavoro grafico sul “Le Favole” di La Fontaine illustra i grandi temi della vita che hanno interessato Chagall nel corso della sua opera: amore, morte e follia umana; temi antitetici che si incontrano e scontrano come in un ossimoro petrarchesco: così nel foglio in cui sono magistralmente rappresentati l’arroganza del lupo, che si contrappone alla mitezza della cicogna che gli salva la vita, dominano gratitudine ed ingratitudine, vita e morte.
I reticoli, le figure, gli oggetti, i granelli di polvere neri sembrano uscire dal suo mondo fantastico, aggredire realmente lo spettatore, fagocitarlo e trascinarlo via. Anche la compenetrazione tra uomo e natura appare evidente come nelle “Luftmenschen”, le caratteristiche figure fluttuanti nello spazio.

Nel percorso espositivo due splendide opere (un olio su tela e una tecnica mista) gettano uno sguardo fugace ma luminosissimo sulle fonti di Chagall, per raccontare “altre storie”.
“Re David suona la cetra” (1949-52) è opera parsimoniosa nell’uso del colore e del tratto e trova nell’essenzialità esecutiva un mezzo perfetto per la narrazione. Il riferimento è certamente biblico, di quella Bibbia che Chagall definì come “la più grande fonte di poesia di tutti i tempi” o come “l'alfabeto colorato in cui ho intinto i miei pennelli”. Il tema è caro a Chagall che nelle illustrazioni della Bibbia (1931-56) lo affronta in ben due tavole, la prima a “citare le scritture” dove il giovane David calma i mali di Re Saul con la musica, la seconda a collocare il Re intento a suonare nella solitudine di un paesaggio vitreo. Nel “Re David suona la cetra” in mostra a Recanati Chagall sceglie la libertà compositiva e la mescolanza in un cielo costellato di riferimenti biblici: Mosè con le tavole della Legge, il Cristo come l’ebreo messo a morte, Adamo ed Eva e gli Angeli. Re David pare suonare per un popolo in marcia (quasi certamente il popolo ebraico), mentre non mancano accenni alla ruralità dell’infanzia, espressa con forza attraverso scorci intimi di maternità.
Interessanti i confronti con la seconda opera esposta dal titolo “Musicien et danseuse” (1965). In una composizione di estrema semplicità e vivacità coloristica si ravvisa innanzitutto la musica. Nell’opera emerge il tema del violinista, che sarà una figura-chiave del linguaggio figurativo di Chagall tanto da divenire allegoria stessa della musica. Un ulteriore elemento di confronto sono i riferimenti all’infanzia russa. In questo caso è la composizione nella sua interezza a rimandare all’universo folkloristico e rurale di Vitebsk, sua città natale.

La mostra “Marc Chagall. Le favole ed altre storie” si pone all’interno di un più ampio programma di valorizzazione del territorio, dei suoi beni culturali e paesaggistici che rientra nel progetto “Recanati verso l’Infinito”. Un viaggio tra mostre ed eventi che animeranno la città in occasione dei 200 anni dalla scrittura e pubblicazione della lirica più suggestiva di Leopardi: L’Infinito. Obiettivo generale è quello di promuovere non la singola realtà museale o collezione, ma il patrimonio culturale nel suo complesso, come un unico museo diffuso da percorrere e scoprire. A tale scopo è stato già creato un circuito museale con biglietto unico che comprende il Polo museale ed espositivo di Villa Colloredo Mels con il Museo dell’Emigrazione Marchigiana, la Torre Civica, il Museo “Beniamino Gigli” e l’Ufficio di accoglienza turistica Iat Tipico Tips.




Twitter Delicious Facebook Digg Stumbleupon Favorites More