Cantanti anni 60, 70 e 80, ospiti Vip, tribute band, spettacoli di burlesque, cabaret, animazioni per bambini, teatrino burattini, trampolieri, folk romagnolo, pizzica salentina, ecc... per sagre, locali ed eventi privati.
Per info: 334 2098660
italia-eventi@libero.it

Burlesque

Magia, danza, musica, ventagli, piume e lustrini per vivere una serata unica!

Artisti di strada

I migliori ed originali artisti di strada disponibili per animare feste di piazza, eventi aziendali, centri commerciali, ristoranti e feste di compleanno, feste di laurea, anniversari e matrimoni.

Musica Live

Cantanti anni '60 e '70, tribute e cover band, party band, piano bar, musica jazz, folk e tradizione popolare, musica live napoletana, orchestre, bande, dj per eventi, ...

Attrazioni e allestimenti per eventi

Noleggio water ball, noleggio gabbia per il calcio 3vs3, noleggio gonfiabili, giostra con cavalli, toro meccanico, scenografie, service per concerti, stand, tensostrutture, macchina per lo zucchero filato, carretto dei gelati, ecc ...

Auto d'epoca per eventi

Noleggio Auto d'epoca e non per eventi, matrimoni e campagne pubblicitarie

SPAZI APERTI - Mostra personale di Franco Dallegri a Genova dal 24 febbraio al 7 marzo 2018

Sabato 24 febbraio 2018 ore 17:00
Palazzo Stella - inaugurazione

SPAZI APERTI
mostra personale di Franco Dallegri
a cura di Flavia Motolese

aperta fino al 7 marzo 2018
da martedì a sabato
ore 15:00 – 19:00

Genova, SATURA art gallery


S’inaugura sabato 24 febbraio 2018 alle ore 17:00 nelle suggestive sale di Palazzo Stella a Genova, la mostra personale “Spazi aperti” di Franco Dallegri a cura di Flavia Motolese. La mostra resterà aperta fino al 7 marzo 2018 con orario 15:00 – 19:00 dal martedì al sabato.

C’è una carica ancestrale e suasiva nelle forme dell’artista Franco Dallegri: linee fluide e morbide definiscono volumetrie dinamiche ed essenziali, contraddistinte da una spiccata pulizia visiva, ottenuta mediante un’economia organizzativa che abolisce il superfluo e colloca in una struttura compositiva armonica una pluralità di significati e di forme. L’attenzione rivolta alla realtà fenomenica - colta nelle sue varie manifestazioni - viene declinata e trasposta in chiave astratta e rigorosamente nitida.
Questa mostra vede un’ulteriore evoluzione del lavoro dell’artista che prosegue quel processo di indagine del reale volto alla sua trasposizione nell’opera d’arte. Se, infatti, il percorso è iniziato con una rappresentazione figurativa poi evolutasi in una sempre maggiore sintesi espressiva, ora per l’artista è esigenza primaria rielaborare in un linguaggio unitario tutti i risultati raggiunti in precedenza fino ad intraprendere un passaggio dalla pittura alla scultura.
La ricerca di Dallegri è sempre stata caratterizzata da un’attenta e pertinente analisi del mondo oggettivo, delle sue possibilità rappresentative e dallo studio delle tecniche dei maestri dell’arte moderna e contemporanea: fondamentale in questa fase la lezione di Henry Moore e Alexander Archipenko. L’indagine delle regole che governano i rapporti tra figure e tra loro e lo spazio circostante, la resa armonica dei colori e dei volumi e dei piani prospettici.
Il percorso intrapreso sembra testimoniare una consapevolezza sempre maggiore delle capacità offerte dall’arte come mezzo conoscitivo della realtà: Dallegri matura un linguaggio plastico in cui i volumi tendono ad articolarsi in un'apertura spaziale, sviluppando così un senso costruttivo della forma, rispetto alle opere precedenti in cui predominava la componente cromatica e compositiva.
La proiezione dell’oggetto reale è transitata dall’opera bidimensionale ad una nuova incarnazione tangibile nello spazio reale attraverso la sua riconversione in scultura. L’artista dopo aver sviluppato la rappresentazione pittorica fino a giungere all’astrazione pura, è ritornato ad una figurazione stilizzata su cui ha innestato, in maniera via via sempre più consistente l’applicazione di materiali in rilievo sulla superficie pittorica. In parallelo, la figura umana rappresentata si è evoluta introducendo spiccatamente il tema della spazialità e delle volumetrie, anticipando la sperimentazione scultorea. L’intuizione determinante di Dallegri è stata indagare lo spazio tra due figure o quello tra le varie parti in cui è articolata una figura: il vuoto smette di essere tale e diventa anch’esso elemento attivo, spazio latente carico di potenzialità e di ritmo.
Affascinato dalla materia, inizia una fase di sperimentazione con la terracotta, che gli ha permesso di padroneggiare la tecnica attraverso lo studio e la realizzazione di opere ispirate a quelle di maestri come Auguste Rodin, fino ad approdare a risultati originali in cui la scultura, molto dinamica, si struttura in un alternarsi di vuoti e pieni, concavi e convessi. La figura presenta forme plastiche e sinuose, ma prive di dettagli naturalistici, avendo raggiunto un alto grado di astrazione.
I volumi giocano continuamente su un equilibrio di pieni e vuoti, puntando sulla compresenza di istanze-binomi come moderno e arcaico, organicità e astrazione. Ed è proprio la conciliazione di questi opposti l’elemento probabilmente più affascinante della produzione di questo artista.
Spazi aperti non solo perché svelano una dinamica complessa oltre la volumetria classica, che considera solo i pieni, ma soprattutto per le possibilità di generare un’infinita sequenza di rimandi spaziali.

Festival Irlandese a Torino - Lingotto Fiere 16 - 17 - 18 e 23 - 24 - 25 marzo 2018



Un evento straordinario, un’atmosfera d’allegria, divertimento e passione dalla quale sarà impossibile non lasciarsi coinvolgere. Un’occasione unica per conoscere le tradizioni, la musica, l’enogastronomia ed il folkore di questo meraviglioso paese.

Il Festival Irlandese si svolgerà il 16-17-18 e 23-24-25 marzo 2018 presso il complesso fieristico Lingotto Fiere di Torino.

Al Festival Irlandese il pubblico potrà partecipare ad una serie infinita di attività, dai matrimoni celtici all’allegria delle danze irlandesi e celtiche, dalla bellezza delle mostre fotografiche a quelle degli antichi strumenti a corde e a fiato, dalle rievocazioni storiche ai divertentissimi giochi tipici come il tiro alla fune o la gara della yarda di birra, dalla scuola d’armi al villaggio Celtico, oppure potrà semplicemente rimanere estasiato dai concerti di alcuni tra i più rappresentativi gruppi musicali internazionali provenienti direttamente dall’Irlanda e dal variegato mondo celtico.

In occasione del St. Patrick’s Day, il Festival Irlandese sarà un’occasione per festeggiare in pieno spirito Irlandese, tra danze, canti, giochi, allegria, convivialità e tanto, tantissimo divertimento, con l’immancabile gustosa birra scura dell’Isola di Smeraldo!

Lasciati trasportare dalla magia dell’Irlanda, ballando accompagnati dall’allegria irrefrenabile della musica tradizionale o, perchè no, degustando alcune prelibatezze del ricco repertorio enogastronomico di questo straordinario paese: come il manzo e lo stinco alla birra scura, le grigliate tipiche irlandesi, le zuppe tradizionali, il salmone affumicato, i formaggi tipici alle erbe, i dolci alle mele ed altre delizie annaffiate dalla famosa birra scura e i distillati Irlandesi.


ORARI
VENERDI: 14.00 – 01.00
SABATO: 11.00 – 01.00
DOMENICA: 11.00 – 24.00

Il biglietto di ingresso è giornaliero ed utilizzabile per un solo ingresso, per motivi SIAE non è possibile uscire dalla fiera e rientrare col medesimo.
I tagliandini della gastronomia una volta acquistati non sono rimborsabili nel caso non vengano utilizzati.

I programmi dei palchi e degli spettacoli possono subire variazioni di qualunque natura, non dipendenti dalla volontà degli organizzatori.

In caso di pioggia il festival si terrà comunque.

Ingresso ai cani consentito con guinzaglio.

TIPOLOGIE E PREZZI:
BIGLIETTO INTERO 12 EURO
Il biglietto intero è riservato agli adulti ed ai bambini oltre i 10 anni.

BIGLIETTO RIDOTTO 8 EURO
Il biglietto ridotto è riservato ai bambini dai 5 ai 10 anni (compiuti) ed agli accompagnatori dei disabili

BIGLIETTO OMAGGIO
Il biglietto omaggio è riservato ai bambini fino ai 5 anni ed ai portatori di handicap con disabilità al 100% certificata da foglio verde o certificato asl.

COME E DOVE ACQUISTARE I BIGLIETTI:
I biglietti si acquistano alle casse situate all’ingresso della fiera alla apertura delle stesse i giorni di durata del Festival. Si può pagare in contanti e con bancomat o carte di credito.

COSA E’ COMPRESO NEL COSTO DEL BIGLIETTO:
Grazie ad una speciale partnership, il pubblico potrà vivere un’esperienza unica ed imperdibile, partecipando con un unico biglietto a diversi eventi in contemporanea, il tutto nello stesso complesso fieristico! Con il costo di 12 euro infatti sarà possibile acquistare uno speciale biglietto “all inclusive”, che comprende:

- l’ingresso al Festival dell’Oriente, che si svolgerà dalle ore 10:30 alle 22:30, nonché tutte le attività ad esso correlate: Festival delle Arti Marziali, Salute e Benessere da Oriente a Occidente, Holi Festival.

- l’ingresso al Festival Irlandese, che si svolgerà dalle ore 14:00 alla 01:00 il venerdi, dalle 11.00 alla 01.00 il sabato e dalle 11:00 alle 24:00 la domenica

- l’ingresso al Festival Country, che si svolgerà dalle ore 14:00 alla 01:00 il venerdi, dalle 11.00 alla 01.00 il sabato e dalle 11:00 alle 24:00 la domenica

- l’ingresso a That’s America, che si svolgerà dalle ore 14:00 alla 01:00 il venerdi, dalle 11.00 alla 01.00 il sabato e dalle 11:00 alle 24:00 la domenica, e incentrata sul mito americano dagli anni ’60 ad oggi.

Lo stesso biglietto dunque consentirà di poter prendere parte liberamente a tutti questi straordinari eventi nell’arco della stessa giornata, assistere agli spettacoli folkloristici, sperimentare attività interattive, assistere a centinaia di interessantissime conferenze e seminari, assaporare prodotti enogastronomici tipici, divertirsi, scoprire, conoscere, meravigliarsi, in un viaggio “virtuale” tra gli affascinanti paesi d’Oriente, d’Irlanda e d’America.

Info

Sfincione Festival a Sanlorenzo Mercato di Palermo 24 e 25 febbraio 2018


A Sanlorenzo Mercato la sfida delle sfide: al centro del contendere lo sfincione, il re del cibo di strada.

In gara Bagheria, Casteldaccia, Aspra e Palermo, territori simbolo di una tradizione gastronomica antica.

Si va da Bagheria, con il fornaio Maurizio Valenti, a Casteldaccia con il panificio Martorana di Vincenzo Di Tusa passando per Palermo con il Forno del Mercato fino alla versione marinara di Aspra di Nino Sciortino di Colapisci. Ospite speciale anche lo sfincione di Ficarazzi, con uno showcooking ad hoc sabato pomeriggio alle 16.30, con una delegazione del comune e gli organizzatori della decennale sagra.

Lo sfincione palermitano (classico con pomodoro, cipolla, acciughe e caciocavallo) si scontrerà dunque con l’amatissima versione bagherese (bianco, alto, con ricotta e mollica), con quello di Casteldaccia (una via di mezzo fra i primi due, rosso ma con un grosso strato di tuma) e con un’inedita versione marinara direttamente da Aspra (bianco, cotto a legna e con sarde tritate).

Con un apposito ticket di sei euro, si potranno assaggiare le quattro specialità presenti, in un confronto aperto e diretto con il produttore che ne spiegherà origine e caratteristiche, tra aneddoti e curiosità. Ma non solo. Con il ticket degustazione si avrà anche la possibilità di votare il proprio sfincione preferito, contribuendo così a decretare il vincitore. Per farlo, basterà girare per le postazioni con il proprio ticket e provare le singole specialità esprimendo il proprio voto.

Accanto alla giuria popolare, ci sarà una giuria di esperti che avrà come presidente lo scrittore, giornalista e storico della gastronomia e delle tradizioni siciliane Gaetano Basile, che allo sfincione ha dedicato una parte importante dei suoi studi.

Proprio Basile domenica alle 18 traccerà un excursus storico pieno di curiosità e aneddoti sulla nascita della pietanza più amata dai palermitani, le cui origini vanno indietro nei secoli. Scopriremo allora che le primissime versioni non avevano il pomodoro e che l’impasto è tra le preparazioni più antiche dell’intera gastronomia siciliana.

Accanto a Basile, nella giuria tecnica, siederanno anche il dirigente regionale del Dipartimento dell’Agricoltura Pietro Miosi, da anni attivo nella tutela e valorizzazione delle pietanze territoriali; la giornalista, scrittrice e appassionata di tradizioni siciliane Federica Virga; il pluripremiato pizzaiolo palermitano Ron Garofalo, che, fra l’altro, al Google Camp 2017 ha cucinato lo sfincione per imprenditori, teste coronate, vip internazionali, dal Principe Harry agli attori Sean Penn, Emma Watson, Angelina Jolie a John Elkann.

Ma non solo esperti “blasonati”: è caccia all’ultimo giurato, un giudice speciale proveniente dal pubblico, che Sanlorenzo Mercato sceglierà attraverso un contest online, per l’originalità con cui saprà dimostrare la propria passione per lo sfincione. Il prescelto siederà da esperto nella giuria di qualità, aiutando così a decretare il vincitore.

E per respirare appieno la tradizione, sabato e domenica farà tappa al mercato il celebre “lapino con lo sfincionello”, tesoro dei venditori ambulanti in giro per le strade di Palermo con la proverbiale litania: “Chi cciàvuru!...”.

L’evento è organizzato in collaborazione con l’Associazione La Piana d'Oro. Oltre alle postazioni con gli sfincioni, aperte sabato e domenica dalle 12 alle 16 e dalle 19 alle 23, in particolare, il programma prevede:

Sabato 24 febbraio
Ore 12.30 presentazione della manifestazione con tutti i fornai protagonisti
Ore 16.00 showcooking con degustazione a cura dei maestri fornai di Ficarazzi
Ore 19.30 L’ape di Giacomino - degustazione

Domenica 25 febbraio
Ore 12.30 L’ape di Giacomino – degustazione
Ore 13.00 Laboratorio per bambini a cura di Palermobimbi
Ore 18.00 La Storia dello sfincione, con Gaetano Basile
Ore 19.00 Degustazione tecnica e premiazione

INGRESSO LIBERO E TICKET DEGUSTAZIONI 6 EURO

Info

567° Segavecchia di Cotignola (RA) 8-9-10-11 marzo 2018


Eccoci qua, anche quest'anno la Segavecchia è arrivata, con la sua Tradizione, i Giochi Rionali, il Corteo Storico, Il Rogo della Vecchia, le numerose Mostre e l'immancabile Stand Gastronomico "La cà di mèt". 

PROGRAMMA
Giovedì 8 Marzo
Ore 10,30 - La SEGAVECCHIA arriva in piazza, accompagnata dai bambini delle Scuole, visita alla mostra
della Pro Loco nelle sale comunali; a seguire merenda sotto lo stand per tutti i bambini delle elementari.
Ore 14,30 - Per i bambini, in piazza, spettacolo di animazione e Rogo della “Vecchina”.
Ore 19,00 - Apertura stand gastronomico.
Ore 20,30 - SFILATA IN COSTUMI MEDIEVALI E GIOCHI IN PIAZZA CON I RIONI.
Venite tutti a tifare per il vostro rione!
Auguri a tutte le donne e una sorpresa!

Venerdì 9 Marzo
Ore 19,00 - Apertura stand gastronomico .
Ore 21,00 - Arena Spettacoli adiacente la piazza
GIANNI E PAOLO PARMIANI SHOW

Sabato 10 Marzo
Ore 19,00 - Apertura stand gastronomico.
Ore 21,00 - Arena Spettacoli adiacente la piazza, spettacolo musicale con I MUSICANTI DI SAN CRISPINO.

Domenica 11 Marzo
Ore 11,00 - Corteo storico dal Piazzale della Pace alla Collegiata S. Stefano per la celebrazione della Santa
Messa solenne con benedizione degli Stemmi Rionali.
Ore 12,00 - Apertura stand gastronomico.
Ore 15,00 - Corso Mascherato della Vecchia con gruppi di prima visione, accompagnato dalla Banda
Musicale CITTÀ DI SARSINA corteo storico, musici, figuranti in costume medievale.
Ore 17,00 - Premiazione gruppi.
Ore 17,30 -Lettura della sentenza, lancio della bambolina e ROGO DELLA VECCHIA.
Ore 18,00 - Apertura stand gastronomico.
Ore 20,30 - Arena spettacoli adiacente la piazza, conclude la serata la Band THE CREW.

In caso di maltempo, la sfilata di Domenica 11 Marzo sarà rimandata alla Domenica successiva.
Mostre e iniziative

1 - SALE DEL PALAZZO COMUNALE primo piano
7/18 marzo - Mostra a cura della Pro Loco: "La Segavecchia e i rioni di Cotignola".
2 - SALE DEL PALAZZO COMUNALE primo piano
7/18 marzo - Mostra di sculture e ceramiche del Maestro cotignolese ENZO BABINI.
3 - CHIESA DEL PIO SUFFRAGIO
7/18 marzo - Mostra di pittura "Opere di GIACOMINA TARLAZZI".
4 - COLLEGIATA S. STEFANO ingresso canonica
8/11 Marzo - Mostra di ceramiche "C'era una volta: una favola di ceramica" dell'artista Cotignolese
ELEONORA DALMONTE e Mostra di pittura "Dipinti e chine" dell'artista LORIS DIRANI.
5 - SALE DEL PALAZZO COMUNALE primo piano
7/18 marzo - Mostra fotografica "La ristrutturazione del Municipio nel corso degli anni".

MENÙ - LA CÀ DI MET
PRIMI PIATTI
- Cappelletti “fatti da noi” al ragù di carne
- Orecchioni verdi “fatti da noi” al burro e salvia
- Garganelli della Vecchia
- Polenta al ragù di salsiccia
- Tris di minestre (cappelletti, orecchioni e garganelli)
- Curzùl con lo scalogno

SECONDI PIATTI
- Misto di carne (salsiccia, coscia di pollo, castrato con pomodoro)
- Coscia di pollo disossata
- Castrato cosciotto con pomodoro
- Salsiccia
- Pancetta
- Stufato di pecora con patate

CONTORNI
- Patate fritte
- Verdure miste al forno
- Pomodori gratinati al forno
- Piadine, bruschette e pizze fritte “fatte da noi”
- Tagliere misto con affettati, pizza fritta, formaggio

DOLCI
- Ciambella, Tortelli, Crostata, Castagnole

VINO
Vino rosso dolce
Sangiovese
Trebbiano
Chardonnay
Per tutta la durata della Segavecchia, lo stand si arricchisce con il menù per celiaci (pasta e piadina senza glutine).

Info
http://www.prolococotignola.com

https://www.facebook.com/prolococotignola

Cinzia Leone in Mamma sei sempre nei miei pensieri. Spostati - Teatro Comunale di Predappio (FC) 24 febbraio 2018


Non tutti sanno che il distacco dal cordone ombelicale è un problema preistorico irrisolto. Cinzia Leone ha pensato di spiegarlo nel suo spettacolo dove l'attrice viene interrotta costantemente dalla madre che la chiama al telefono nel bel mezzo del suo monologo.
Protagonista di tanti spettacoli televisivi, un?attrice comica d?eccezione. Cinzia Leone ironica, istrionica, camaleontica capace di interpretare le donne della nostra attualità, di vedere la vita e la società con ironia intelligente e pungente grazie alla capacità di saper far ridere e riflettere contemporaneamente.
La straordinaria attrice, che deve molta della sua popolarità a La tv delle ragazze, fin dal suo ingresso in scena prepara il caloroso pubblico a un divertente quanto pungente monologo sulla ?mammità?.
Applausi e risate di gran cuore si uniscono alle battute a raffica che Cinzia Leone spara senza inibizione e con quella spontaneità che da sempre caratterizza il suo personaggio.
Una figlia che è il riflesso condizionato di una madre, come tante, premurosa e con le fisime legate alla vita e all?età, e soprattutto una donna di mezza età condizionata da alcuni prodotti sponsorizzati per prevenire problemi come quello «delle perdite in quei giorni». Tra yogurt, pannolini e situazioni imbarazzanti che possono verificarsi in ascensore, Cinzia Leone descrive una realtà che in pochi approfondirebbero.
Una scritta a spettacolo concluso rassicura il pubblico. Quella descritta con cinismo da Cinzia Leone non è la vera mamma, che resta sempre tale, nonostante possa avere mille difetti. Quel cordone ombelicale che unisce madre e figlia è per sempre e tutti i consigli, i rimproveri e i suggerimenti sono assolutamente utili per portare in scena, quotidianamente, lo spettacolo della vita.

CINZIA LEONE
In
MAMMA SEI SEMPRE NEI MIEI PENSIERI. SPOSTATI!
di Cinzia Leone, Fabio Mureddu e Federica Lugli
Regia di Fabio Mureddu

BIGLIETTERIA 
INTERO € 15,00
RIDOTTO € 10,00
(Riduzioni per Ragazzi UNDER 25, Over 65, Universitari,Residenti Comune di Predappio, Soci T.D.F)
0,50€ A BIGLIETTO STRAPPATO SARANNO DEVOLUTI ALLE ASSOCIAZIONI AVIS E IOR DI PREDAPPIO

INFO E PRENOTAZIONI:
0543/1713530 - 339/7097952 - 347/9458012 
info@teatrodelleforchette.it

Twitter Delicious Facebook Digg Stumbleupon Favorites More