Cantanti anni 60, 70 e 80, ospiti Vip, tribute band, spettacoli di burlesque, cabaret, animazioni per bambini, teatrino burattini, trampolieri, folk romagnolo, pizzica salentina, ecc... per sagre, locali ed eventi privati.
Per info: 334 2098660
italia-eventi@libero.it

Burlesque

Magia, danza, musica, ventagli, piume e lustrini per vivere una serata unica!

Artisti di strada

I migliori ed originali artisti di strada disponibili per animare feste di piazza, eventi aziendali, centri commerciali, ristoranti e feste di compleanno, feste di laurea, anniversari e matrimoni.

Musica Live

Cantanti anni '60 e '70, tribute e cover band, party band, piano bar, musica jazz, folk e tradizione popolare, musica live napoletana, orchestre, bande, dj per eventi, ...

Attrazioni e allestimenti per eventi

Noleggio water ball, noleggio gabbia per il calcio 3vs3, noleggio gonfiabili, giostra con cavalli, toro meccanico, scenografie, service per concerti, stand, tensostrutture, macchina per lo zucchero filato, carretto dei gelati, ecc ...

Auto d'epoca per eventi

Noleggio Auto d'epoca e non per eventi, matrimoni e campagne pubblicitarie

Io e i Gomma Gommas in concerto al Soul Kitchen di Fermo (FM) il 2 febbraio 2013


Sabato 02.02 Io e i Gomma Gommas in concerto al Soul Kitchen di Fermo (FM), Via delle Mura 26


Vuoi organizzare un evento con Io e i Gomma Gommas? Telefona al 334 2098660

Choccolandia - la città dei golosi - Livorno 22 - 23 - 24 febbraio 2013

CHOCCOLANDIA 2013.
TUFFARSI IN UN MARE DI
CIOCCOLATO
A LIVORNO

Chi non ha mai sognato di riuscire a tuffarsi in un immenso “mare di cioccolato” affogando i dispiaceri della vita, i pensieri più affannosi, nel dolce profumo, nell’intensa dolcezza delle sue acque. Cibo degli dei”, dolce irresistibile dal piacevolissimo retrogusto amaro, il cui contatto col palato scatena una magnifica sensazione di benessere in chi lo assaggia.
Al via l’atteso festival Choccolandia 2013 – nona edizione, un lungo weekend (VENERDI’ 22 SABATO 23 E DOMENICA 24 FEBBRAIO DALLE 10.00 ALLE 20.00) interamente dedicato agli appassionati del cioccolato. Il celebre “oro nero” dal quale già 6.000 anni fa i Maya ricavavano la bevanda degli dei, sarà il protagonista dell’evento giunto con successo alla ottava edizione. Famosi cioccolatieri e sapienti artigiani dolciari provenienti da tutta Italia faranno ammirare e degustare al pubblico dei golosi le loro prelibate lavorazioni tipiche e decorazioni particolari. Accanto alle tradizionali produzioni, non mancheranno le sperimentazioni e le nuove tendenze in materia di ingredienti e di presentazioni. Le innumerevoli forme e sfumature di sapori del cioccolato delizieranno gli occhi e sazieranno le voglie e gli sfizi di tutti i visitatori.
Oltre agli assaggi, durante la kermesse sarà possibile penetrare i segreti del divino frutto che non a caso il naturalista Linneo battezzò Theobroma cacao (“Theo” e “broma” = cibo degli dei).
Choccolandia 2013 costituirà un’occasione per approfondire la cultura del cioccolato nei suoi più diversi aspetti: culinari, artigianali, salutari e persino estetici. Amato da Casanova per i suoi portentosi effetti sull’amore e sull’umore, il cioccolato rivelerà ai visitatori tutto il suo potere di seduzione.
Choccolandia Vi aspetta venerdì 1, sabato 2 e domenica 3 marzo 2013 anche a Cecina in Corso Matteotti!!

Informazioni 
CHOCCOLANDIA 2013 LIVORNO
Dove: Piazza Cavour - Livorno
Quando: venerdi’ 22 SABATO 23 e DOMENICA 24 febbraio dalle 10.00 alle 20.00.
Ingresso: ingresso gratuito
Come arrivare: Piazza Cavour si trova nel centro storico di Livorno, a due passi da Piazza Grande. In prossimità sono disponibili i parcheggi di Via Grande, Scali D'Azeglio, Scali degli Olandesi, Piazza del Luogo Pio, Piazza della Repubblica.
La manifestazione si svolgerà anche in caso di cattivo tempo.

Organizzazione a cura di
SpazioEventi di Patrizia Noce
tel. 347 6357063
info@spazio-eventi.it

Carnevale 2013 - Castelnuovo Don Bosco (AT) 9 febbraio 2013



Sabato 9 febbraio alle ore 20,15 presso il centro polivalente ALA in piazza Don Bosco, si terrà la gran cena di carnevale in maschera. Il costo della serata è di €18 per gli adulti, gratis per i bambini.
La serata prenderà il nome di "Ciak si cena" e sarà interamente ispirata al cinema, tra un piatto e l'altro sarà inoltre possibile assistere all'investitura della maschera folkloristica de "l'alegra vendemia e monsù vin bun" in compagnia dei "Conti dei Rivalba", il tutto accompagnato da animazione musicale e balli per i più piccoli.
Le iscrizioni devono essere comunicate entro giovedì 7 febbraio al numero 3661111944 oppure presso la macelleria Natta di Castelnuovo.
Alle ore 12,30 di Martedì 12 febbraio presso Piazza Don Bosco si procederà invece con la distribuzione gratuita di polenta e salsiccia offerta dal comune, mentre nel pomeriggio a partire dalle ore 15 inizieranno i festeggiamenti di carnevale con la sfilata dei carri presso piazza Dante.

32° Sagra della Lingua del Santo a Zeminiana (fraz. di Massanzago - PD) dall'8 al 17 febbraio 2013


Da venerdì 8 a domenica 17 febbraio, sei appuntamenti di festa con buona musica e convivialità.
Venerdì 15 storica processione con la venerata immagine di Sant'Antonio di Padova.

Programma
Venerdì 8 Febbraio
ore 18.30 apertura festeggiamenti con la serata COUNTRY - TORO alla brace
Ballo con COUNTRY STORM

Sabato 9 Febbraioore 18.30 apertura stand gastronomico
ore 21.00 ASIABAND official NOMADI tribute band

Domenica 10 Febbraio
ore 9.00 apertura iscrizioni raduno auto moto d'epoca americane- Truck dimostrazione Quad
Ore 12.00 LANCIO PARACADUTISTI, pranzo sociale aperto a tutti previo prenotazione allo 0495720270
Ore 21.00 BALLI LATINO AMERICANI con Salsa de Calle
In caso di maltempo il raduno, dimostrazione e lancio paracadutisti saranno rinviati al 17

Venerdì 15 febbraio
ore 15.00 PROCESSIONE con la venerata immagine di S.Antonio
Ore 18.30 apertura stand gastronomico SPECIALE SERATA "IL SALICE"
Ora 21.00 Si balla con I ROMANTICI

Sabato 16 Febbraio
ore 18.30 apertura stand gastronomico
Ore 21.00 ANIME IN PLEXIGLASS official LIGABUE tribute band

Domenica 17 Febbraio
ore 16.00 Ass. SPARTUM dimostrazione sportiva
Ore 18.30 apertura stand gastronomico
Ore 21.00 Chiusura festa con la classica TOMBOLA


Info
http://www.comune.massanzago.pd.it

Crossroads 2013 - Jazz e altro in Emilia-Romagna - XIV Edizione - 28 febbraio – 25 maggio 2013


Un festival lungo tre mesi, ma anche 270 km: tale è l'estensione, lungo la via Emilia, della regione Emilia-Romagna, che verrà percorsa in ogni direzione dalle decine di concerti della quattordicesima edizione del festival Crossroads. Una manifestazione musicale che sin dalla sua origine ha trovato nel viaggio tra gli stili del jazz il giusto parallelo alla sua formula itinerante.

Il lungo percorso musicale di Crossroads 2013 prenderà il via il 28 febbraio e proseguirà sino al 25 maggio. Il programma della grande kermesse jazzistica, conterà oltre quaranta serate di musica dal vivo nei grandi e piccoli centri urbani della regione. Questa notevole quantità di spettacoli permetterà di dare spazio ai nomi più noti del panorama italiano e internazionale ma anche di portare sulla ribalta festivaliera gli artisti emergenti più interessanti del momento.

Crossroads 2013 è organizzato come sempre da Jazz Network in collaborazione con l'’Assessorato alla Cultura della Regione Emilia-Romagna e numerose altre istituzioni.

Sarà la tromba di Enrico Rava, sostenuta dal pianoforte di Giovanni Guidi, a eseguire le note inaugurali di Crossroads 2013, il 28 febbraio al Teatro De André di Casalgrande.

Rava tornerà poi a essere protagonista del cartellone di Crossroads in versione orchestrale assieme al Parco della Musica Jazz Lab il 14 aprile a Imola (Teatro dell'Osservanza), dove eseguirà "Lester!", sua ultimissima creazione in omaggio a un trombettista a lui particolarmente affine: Lester Bowie.

Un tripudio di trombe e ottoni sarà poi quello offerto da Paolo Fresu col suo nuovo gruppo Brass Bang!: il trombettista sardo incrocerà il suo strumento con quelli di Steven Bernstein, Gianluca Petrella e Marcus Rojas (Imola, 21 aprile).

Un tocco esotico sarà portato dal gruppo del polistrumentista Hermeto Pascoal, icona della musica brasiliana, da lui profondamente influenzata nel corso di una carriera lunga oltre cinquant'anni (Rimini, 24 marzo, Teatro degli Atti). Aria di tropici anche il 24 aprile a Piacenza (Conservatorio "G. Nicolini") con l'esibizione in solo di uno dei pianisti più suadenti della scena internazionale: il cubano Gonzalo Rubalcaba.

La chiusura di Crossroads si terrà al Teatro Asioli di Correggio e sarà affidata a due formazioni altamente rappresentative del jazz italiano: i dodici scatenati Sousaphonix del trombonista Mauro Ottolini, un artista che quest'anno ha raccolto i frutti di una inarrestabile ascesa, vincendo il referendum Top Jazz come migliore musicista italiano dell'anno, oltre a salire sul podio di numerose altre categorie (24 maggio), e il quartetto Yatra del contrabbassista Enzo Pietropaoli (il 25).

Un momento speciale di questa edizione di Crossroads si avrà in maggio, quando il suo cartellone ospiterà per la prima volta al proprio interno Ravenna Jazz. Lo storico festival ravennate, che festeggia quest'anno la quarantesima edizione, cambia infatti la propria collocazione stagionale, svolgendosi in primavera. Ravenna Jazz entra quindi in sinergia con Crossroads, proponendo un programma assai più ampio che nelle sue ultime stagioni, una sequenza ininterrotta e ricca di concerti e seminari dal 3 al 12 maggio (al Teatro Alighieri, al Teatro Rasi e in vari club e locali della città), con ospiti di prima grandezza. Il programma concertistico di Ravenna Jazz 2013 sarà aperto da Chucho Valdes, superlativo esponente del pianismo cubano, con i suoi Afro-Cuban Messengers (4 maggio), e si concluderà il 12 maggio con il quartetto della star del sax tenore Joshua Redman. In mezzo a queste date, si troveranno quotidianamente concerti di notevole spessore e attrattiva: il quartetto dello storico sassofonista Pharoah Sanders (il 5); il trio dagli ampi orizzonti espressivi formato da Franco Ambrosetti, Uri Caine e Furio Di Castri (il 6); il quartetto del giovane e prodigioso sassofonista Mattia Cigalini (il 7); le performance in solo del trombonista Gianluca Petrella e del beatboxer Alien Dee, che durante la giornata terrà anche un seminario (l'8); il quintetto internazionale del sassofonista Rosario Giuliani, con Joe Locke al vibrafono (il 9); le "Microlezioni di Jazz" ideate da Filippo Bianchi, che farà anche da voce narrante, e musicate da Paolo Fresu e martux_m (l'11). A tutto ciò si aggiunge anche il workshop di canto che la magistrale interprete statunitense Rachel Gould terrà il 3 maggio.

Numerosi altri concerti andranno a formare il lungo e articolato itinerario musicale di Crossroads 2013. Quelli già definiti lasciano intuire che la nuova edizione del festival darà ampio risalto alle voci femminili. Un notevole cast di cantanti sbarcherà infatti sui tanti palcoscenici sin dal mese di marzo, a partire dal trio "Barato Total" di Barbara Casini, la cui inesauribile esplorazione della musica brasiliana toccherà in questa occasione il repertorio di Gilberto Gil (Cesenatico, 2 marzo, Teatro Comunale). Arriveranno poi due artiste che hanno definito lo standard vocale del jazz italiano dagli anni Ottanta a oggi: Tiziana Ghiglioni, in un inedito trio in omaggio a Duke Ellington (Massa Lombarda, l'8, Sala del Carmine) e Ada Montellanico in duo col chitarrista Francesco Diodati (Solarolo, il 21, Oratorio dell'Annunziata). In rappresentanza della più intensa vocalità afroamericana ci sarà Cheryl Porter, col suo quartetto (Argenta, Teatro dei Fluttuanti, il 15). Chiara Pancaldi, con il suo quintetto (Massa Lombarda, il 22), è invece un'ammirevole rappresentante delle nuove voci che stanno affiorando sulla scena italiana in questi anni. Ma anche il jazz strumentale avrà i suoi momenti privilegiati, come nel caso dell'esibizione dello spumeggiante duo tromba-pianoforte formato da Fabrizio Bosso e Julian Oliver Mazzariello (Longiano, Teatro Petrella, il 14) e dei tre concerti a Castel San Pietro Terme ("Cassero" Teatro Comunale) con il travolgente trio BassDrumBone del trombonista Ray Anderson più la performance in duo della danzatrice Teri Jeanette Weikel con il percussionista Michele Rabbia (il 16) e l'incontro tra gli Improplayers e Michele Rabbia (il 17).

Nel mese di aprile sul versante cantanti si aggiungeranno la voce camaleontica di Cristina Zavalloni, con la Radar Band (Lugo, 19 aprile, Teatro Rossini), e quella funambolica di Maria Pia De Vito, che rispolvererà in trio il suo omaggio alle canzoni di Joni Mitchell (Russi, il 20, Teatro Comunale). Tra gli altri protagonisti di aprile si distinguono il trio elettrico del batterista Roberto Gatto (Modena, La Tenda, il 4), il trio che affianca la voce di Peppe Servillo, i sax di Javier Girotto e il pianoforte di Natalio Mangalavite (Russi, il 15) e il duo formato dall'asso del trombone Gianluca Petrella e dall'intenso Giovanni Guidi (Dozza, Teatro Comunale, il 5). Sempre a Dozza, il 6 si esibiranno nella stessa serata il duo che riunisce il sassofonista Carlo Actis Dato e il chitarrista Enzo Rocco e la produzione originale "If I Had My Way I'd've Been A Killer", omaggio alla canzoni e allìimpegno civile di Nina Simone; doppio spettacolo anche il 7, con un incontro in duo tra il bandoneonista Carlo Maver e il chitarrista Giancarlo Bianchetti, oltre al Ciranda Quartet con la vocalist Letizia Magnani.

Tornerà poi Fabrizio Bosso, questa volta assieme a Marco Tamburini, come co-leader di un quintetto con due trombe in omaggio a Woody Shaw (Rimini, l'11). Il mese di aprile si chiuderà con un vero e proprio festival nel festival che si svolgerà al Jazz Club Torrione San Giovanni di Ferrara. Ne saranno protagonisti il trio Triveni del trombettista Avishai Cohen (il 27), il quartetto Rayuela co-diretto dal sassofonista Miguel Zenón e dal pianista Laurent Coq (il 29), il nuovo quartetto del chitarrista Kurt Rosenwinkel (il 30): tre concerti che, anche in coincidenza con la Giornata Internazionale del Jazz Unesco, coinvolgeranno talenti jazzistici provenienti da Stati Uniti, Porto Rico, Israele, Francia.

Nel programma del mese di maggio si preannuncia un appuntamento di grande attrazione con una delle più famose band dell'ondata jazz-rock anni Settanta, gli Area, riunitisi dopo tre decenni (Correggio, 16 maggio). Correggio diventerà un vero crocevia del jazz italiano e non solo durante questo mese: sul palco del Teatro Asioli sfileranno infatti i gruppi dei giovani talenti che più stanno facendo parlare di sé. Si inizierà con una tre giorni dedicata al pianista Enrico Zanisi, come leader ma anche come membro di gruppi altrui: ascolteremo il quartetto del contrabbassista Francesco Ponticelli (il 17), il trio di Zanisi (il 18), Zanisi in piano solo (il 19, di mattina) e il quintetto del batterista Alessandro Paternesi (il 19, di sera). Il 20 arriverà il chitarrista Francesco Diodati, con il suo visionario quartetto Neko, mentre il 21 toccherà al quintetto statunitense El Portal.


Informazioni
Jazz Network, tel. 0544 405666, fax 0544 405656,
e-mail: ejn@ejn.it, website: www.crossroads-it.org – www.erjn.it



PROGRAMMA
Giovedì 28 febbraio
Casalgrande (RE), Teatro Fabrizio De André, ore 21:15
ENRICO RAVA  GIOVANNI GUIDI
Enrico Rava – tromba, flicorno; Giovanni Guidi – pianoforte

Sabato 2 marzo
Cesenatico (FC), Teatro Comunale, ore 21:00
BARBARA CASINI TRIO feat. Beppe Fornaroli & Sandro Gibellini
"Barato Total"
Omaggio a Gilberto Gil
Barbara Casini – voce, percussione; Beppe Fornaroli – chitarra, voce; Sandro Gibellini – chitarra

Venerdì 8 marzo
Massa Lombarda (RA), Sala del Carmine, ore 21:00
TIZIANA GHIGLIONI TRIO feat. Silvia Bolognesi  Emanuele Parrini
"Time for Duke"
Tiziana Ghiglioni – voce; Silvia Bolognesi – contrabbasso; Emanuele Parrini – violino
produzione originale

Giovedì 14 marzo
Longiano (FC), Teatro Petrella, ore 21:00
FABRIZIO BOSSO & JULIAN OLIVER MAZZARIELLO
Fabrizio Bosso – tromba; Julian Oliver Mazzariello – pianoforte

Venerdì 15 marzo
Argenta (FE), Teatro dei Fluttuanti, ore 21:00
CHERYL PORTER JAZZ QUARTET
Cheryl Porter – voce; Paolo Vianello – pianoforte; Guido Torelli – basso el.; Gianni Bertoncini – batteria

Sabato 16 marzo
Castel San Pietro Terme (BO), "Cassero" Teatro Comunale, ore 21:15
"Cassero Jazz"
TERI WEIKEL & MICHELE RABBIA
"Equilibrium"
Teri Jeanette Weikel – danza; Michele Rabbia – percussioni, elettronica
RAY ANDERSON BassDrumBone
Ray Anderson – trombone; Mark Helias – contrabbasso; Gerry Hemingway – batteria

Domenica 17 marzo
Castel San Pietro Terme (BO), "Cassero" Teatro Comunale, ore 21:15
"Cassero Jazz"
IMPROPLAYERS incontra MICHELE RABBIA
Michele Rabbia – percussioni, elettronica, direzione
Improplayers: Alessandro Petrillo – chitarra, effetti; Nicola Nanni – chitarra, effetti; Bruno Carrozzieri – oud, chitarra portoghese;
Adriano Rugiadi – basso fretless acustico; Daniel Remondini – basso elettrico; Silvia Trezza – voce; Nicoletta Zuccheri – voce; Christian Alpi – batteria;
Piermarco Turchetti – pianoforte; Massimo Zaniboni – sax tenore, sax soprano; Maurizio Lesmi – sax soprano, clarinetto basso; Michele Griesi – fisarmonica
in collaborazione con Volabo nell'ambito del progetto "Nessuno rimanga indietro 2013"

Giovedì 21 marzo
Solarolo (RA), Oratorio dell'Annunziata, ore 21:00
ADA MONTELLANICO & FRANCESCO DIODATI
"Wandering"
Ada Montellanico – voce; Francesco Diodati – chitarra

Venerdì 22 marzo
Massa Lombarda (RA), Sala del Carmine, ore 21:00
CHIARA PANCALDI QUINTETTO
"The Song Is You"
Chiara Pancaldi – voce; Nico Menci – pianoforte; Davide Brillante – chitarra; Stefano Senni – contrabbasso; Vittorio Sicbaldi – batteria

Domenica 24 marzo
Rimini, Teatro degli Atti, ore 21:15
HERMETO PASCOAL E GRUPO
Hermeto Pascoal – tastiere, fisarmonica, flauto basso, teiera, tazza d'acqua e altri oggetti e strumenti disparati;
Aline Morena – voce, chitarra 10 corde, body percussion; Vinícius Dorin – sassofoni, flauti, percussioni;
André Marques – pianoforte, flauto, percussioni; Itiberê Zwarg – basso el., percussioni; Fábio Pascoal – percussioni, direzione;
Márcio Bahia – batteria, percussioni

Giovedì 4 aprile
Modena, La Tenda, ore 21:30
ROBERTO GATTO ELECTRIO
Roberto Gatto – batteria; Alfonso Santimone – pianoforte, Fender Rhodes; Pierpaolo Ranieri – basso elettrico

Venerdì 5 aprile
Dozza (BO), Teatro Comunale, ore 21:00
"Dozza Jazz"
GIANLUCA PETRELLA & GIOVANNI GUIDI
"Soupstar"
Gianluca Petrella – trombone; Giovanni Guidi – pianoforte

Sabato 6 aprile
Dozza (BO), Teatro Comunale, ore 21:00
"Dozza Jazz"
"IF I HAD MY WAY I'D'VE BEEN A KILLER"
Nina Simone: una voce per i diritti civili
Valentina Monti – voce; Diber Benghi – tastiere; Dagmar Benghi – chitarra; Corrado Gambi – voce narrante
produzione originale Compagnia della Luna Crescente/Combo Jazz Club
CARLO ACTIS DATO & ENZO ROCCO
Carlo Actis Dato – sax baritono, clarinetto basso; Enzo Rocco – chitarra

Domenica 7 aprile
Dozza (BO), Teatro Comunale, ore 21:00
"Dozza Jazz"
CARLO MAVER & GIANCARLO BIANCHETTI
Carlo Maver – bandoneon; Giancarlo Bianchetti – chitarra
CIRANDA QUARTET
presentazione cd "Errante"
Letizia Magnani – voce; Michele Francesconi – pianoforte; Gabriele Zanchini – fisarmonica; Roberto Rossi – batteria, percussioni

Giovedì 11 aprile
Rimini, Teatro degli Atti, ore 21:15
FABRIZIO BOSSO & MARCO TAMBURINI QUINTET
Tributo a Woody Shaw
Fabrizio Bosso – tromba; Marco Tamburini – tromba; Luca Mannutza – pianoforte; Stefano Senni – contrabbasso; Marco Valeri – batteria

Domenica 14 aprile
Imola (BO), Teatro dell'Osservanza, ore 21:15
ENRICO RAVA & PMJL Parco della Musica Jazz Lab
"Lester!"
Omaggio a Lester Bowie
Enrico Rava – tromba; Mauro Ottolini – trombone, arrangiamenti; Andrea Tofanelli – tromba; Daniele Tittarelli – sax alto;
Dan Kinzelman – sax tenore; Marcello Giannini – chitarra; Franz Bazzani - tastiere; Giovanni Guidi – pianoforte;
Stefano Senni – contrabbasso; Zeno de Rossi – batteria

Lunedì 15 aprile
Russi (RA), Teatro Comunale, ore 21:00
GIROTTO - SERVILLO - MANGALAVITE
Javier Girotto – sax soprano, sax baritono, clarinetto basso, flauti andini; Peppe Servillo – voce; Natalio Mangalavite – pianoforte, tastiere, voce

Venerdì 19 aprile
Lugo (RA), Teatro Rossini, ore 21:00
"Lugo Opera Festival"
CRISTINA ZAVALLONI & RADAR BAND
"La donna di cristallo"
Cristina Zavalloni – voce, composizione; Cristiano Arcelli – sax alto, arrangiamenti; Fulvio Sigurtà – tromba;
Michele Francesconi – pianoforte; Daniele Mencarelli – basso elettrico; Alessandro Paternesi – batteria

Sabato 20 aprile
Russi (RA), Teatro Comunale, ore 21:00
MARIA PIA DE VITO
"So Right"
Omaggio a Joni Mitchell
Maria Pia De Vito – voce; Julian Oliver Mazzariello – pianoforte; Enzo Pietropaoli – contrabbasso

Domenica 21 aprile
Imola (BO), Teatro dell'Osservanza, ore 21:15
PAOLO FRESU BRASS BANG!
Paolo Fresu – tromba, flicorno, effetti; Steven Bernstein – tromba, slide trumpet, effetti;
Gianluca Petrella – trombone, effetti; Marcus Rojas – tuba

Mercoledì 24 aprile
Piacenza, Conservatorio "G. Nicolini", ore 21:15
"Piacenza Jazz"
GONZALO RUBALCABA SOLO
Gonzalo Rubalcaba – pianoforte

Sabato 27 aprile
Ferrara, Jazz Club Torrione San Giovanni, ore 21:30
Crossroads & Ferrara in Jazz
"Il Gioco del Mondo"
AVISHAI COHEN "TRIVENI" TRIO
Avishai Cohen – tromba; Omer Avital – contrabbasso; Nasheet Waits – batteria
concerto inserito nel palinsesto della Fiera del Libro Ebraico in Italia

Lunedì 29 aprile
Ferrara, Jazz Club Torrione San Giovanni, ore 21:30
Crossroads & Ferrara in Jazz
"Il Gioco del Mondo"
MIGUEL ZENÓN & LAURENT COQ "RAYUELA" QUARTET
Miguel Zenón – sax alto; Laurent Coq – pianoforte; Dana Leong – violoncello, trombone; Dan Weiss – batteria, tablas

Martedì 30 aprile
Ferrara, Jazz Club Torrione San Giovanni, ore 21:30
Crossroads  Ferrara in Jazz
"Il Gioco del Mondo"
KURT ROSENWINKEL NEW QUARTET
Kurt Rosenwinkel – chitarra; Aaron Parks – pianoforte; Eric Revis – contrabbasso; Justin Faulkner – batteria
in occasione della Giornata Internazionale del Jazz Unesco

Venerdì 3 maggio
Ravenna, Teatro Rasi, ore 10-13, ore 15-18
"Ravenna Jazz"
"Mister Jazz"
WORKSHOP di canto con RACHEL GOULD
"Jazz phrasing for singers"

Sabato 4 maggio
Ravenna, Teatro Alighieri, ore 21:00
"Ravenna Jazz"
CHUCHO VALDÉS & THE AFRO-CUBAN MESSENGERS
Chucho Valdés – pianoforte; Gastón Joya – contrabbasso; Rodney Barreto – batteria; Yaroldy Abreu – percussioni;
Dreiser Durruthy – tamburi batà, voce; Reynaldo Melián – tromba; Mayra Caridad Valdés – voce

Domenica 5 maggio
Ravenna, Teatro Alighieri, ore 21:00
"Ravenna Jazz"
PHAROAH SANDERS QUARTET
"The Creator Has a Master Plan"
Pharoah Sanders – sax tenore; William Henderson – pianoforte; Oliver Hayhurst – contrabbasso; Gene Calderazzo – batteria

Lunedì 6 maggio
Ravenna, Teatro Rasi, ore 21:00
"Ravenna Jazz"
FRANCO AMBROSETTI - URI CAINE - FURIO DI CASTRI
"From Bach to Miles and Trane"
Franco Ambrosetti – tromba, flicorno; Uri Caine – pianoforte; Furio Di Castri – contrabbasso

Martedì 7 maggio
Ravenna, Sala Piazza Rinascita (ex Strocchi), ore 21:30
"Ravenna 40° Jazz Club"
MATTIA CIGALINI QUARTET "Beyond"
Mattia Cigalini – sax alto; Bebo Ferra – chitarra, effetti; Riccardo Fioravanti – basso, effetti; Stefano Bagnoli – batteria

Mercoledì 8 maggio
Lido Adriano (RA), Cisim
"Ravenna 40° Jazz Club"
ore 10-13, ore 15-17
"Mister Jazz"
WORKSHOP di human beatbox con ALIEN DEE
"The Alien Beatbox"
ore 21:30
ALIEN DEE Live
human beatbox
GIANLUCA PETRELLA DJ-set
trombone, live electronics

Giovedì 9 maggio
Ravenna, Sala Piazza Rinascita (ex Strocchi), ore 21:30
"Ravenna 40° Jazz Club"
ROSARIO GIULIANI "IMAGES"
Rosario Giuliani – sax; Roberto Tarenzi – pianoforte; Joe Locke – vibrafono; Darryl Hall – contrabbasso; Joe La Barbera – batteria

Venerdì 10 maggio
Ravenna, Teatro Alighieri, ore 21:00
"Ravenna Jazz"
GINO PAOLI & DANILO REA
"Due come noi che…"
Gino Paoli – voce; Danilo Rea – pianoforte

Sabato 11 maggio
Ravenna, Teatro Alighieri, ore 21:00
"Ravenna Jazz"
"Microlezioni di Jazz"
PAOLO FRESU & MARTUX_M
jazz sounds, words & images
Paolo Fresu – tromba, effetti; martux_m – elettronica
Filippo Bianchi – voce narrante
testi a cura di Filippo Bianchi - immagini a cura di Pier Paolo Pitacco
video di Filippo Bianchi, realizzazione di Enzo Varriale
(dal libro 101 microlezioni di Jazz, 22publishing editore, 2011)
produzione originale i-jazz

Domenica 12 maggio
Ravenna, Teatro Alighieri, ore 21:00
"Ravenna Jazz"
JOSHUA REDMAN QUARTET
Joshua Redman – sax tenore, sax soprano; Aaron Goldberg – pianoforte; Reuben Rogers – contrabbasso; Gregory Hutchinson – batteria

Giovedì 16 maggio
Correggio (RE), Teatro Asioli, ore 21:00
"Correggio Jazz"
AREA International Popular Group - Tour 2013
Patrizio Fariselli – pianoforte, synth; Paolo Tofani – Trikanta Veena, live electronics; Ares Tavolazzi – basso el.; Walter Paoli – batteria

Venerdì 17 maggio
Correggio (RE), Teatro Asioli, ore 21:00
"Correggio Jazz"
"Carta Bianca a Enrico Zanisi"
FRANCESCO PONTICELLI QUARTET

Dan Kinzelman - sax tenore, clarinetti; Enrico Zanisi – pianoforte; Francesco Ponticelli – contrabbasso; Enrico Morello – batteria

Sabato 18 maggio
Correggio (RE), Teatro Asioli, ore 21:00
"Correggio Jazz"
"Carta Bianca a Enrico Zanisi"
ENRICO ZANISI TRIO
Enrico Zanisi – pianoforte; Joe Rehmer – contrabbasso; Alessandro Paternesi – batteria

Domenica 19 maggio
Correggio (RE), Teatro Asioli
"Correggio Jazz"
"Carta Bianca a Enrico Zanisi"
ore 11:00
ENRICO ZANISI SOLO
Enrico Zanisi – pianoforte
ore 21:00
ALESSANDRO PATERNESI P.O.V. QUINTET
Simone La Maida – sassofoni; Francesco Diodati – chitarra el.; Enrico Zanisi – pianoforte;
Gabriele Evangelista – contrabbasso; Alessandro Paternesi – batteria

Lunedì 20 maggio
Correggio (RE), Teatro Asioli, ore 21:00
"Correggio Jazz"
FRANCESCO DIODATI "NEKO"
Francesco Diodati – chitarra el.; Francesco Bigoni – sax tenore; Francesco Ponticelli – contrabbasso; Ermanno Baron – batteria

Martedì 21 maggio
Correggio (RE), Teatro Asioli, ore 21:00
"Correggio Jazz"
EL PORTAL
Nolan Lem – sax tenore; Rainer Davies – chitarra el.; Paul Bedal – Fender Rhodes; Joe Rehmer – contrabbasso; Dion Keith Kerr IV – batteria

Venerdì 24 maggio
Correggio (RE), Teatro Asioli, ore 21:00
"Correggio Jazz"
MAURO OTTOLINI SOUSAPHONIX
"Bix Factor"
Mauro Ottolini – trombone, sousaphone, voce; Vanessa Tagliabue Yorke – voce; Stephanie Ocean Ghizzoni – voce, riti voodoo;
Vincenzo Vasi – voce, theremin, strumenti giocattolo; Paolo Degiuli – cornetta; Mauro Negri – clarinetto, sax alto;
Dan Kinzelman – sax tenore, clarinetto, clarinetto basso; Paolo Botti – viola, dobro; Enrico Terragnoli – banjo, chitarra, podofono;
Franz Bazzani – pianoforte, armonio liturgico a pedali Galvan; Danilo Gallo – contrabbasso; Zeno de Rossi – batteria

Sabato 25 maggio
Correggio (RE), Teatro Asioli, ore 21:00
"Correggio Jazz"
ENZO PIETROPAOLI YATRA QUARTET
Enzo Pietropaoli – contrabbasso; Fulvio Sigurtà – tromba; Julian Oliver Mazzariello – pianoforte; Alessandro Paternesi – batteria

Collettiva di artisti contemporanei dal primo al 28 febbraio 2013 alla Galleria Accademia di Torino


Collettiva di artisti contemporanei
PERIODO: dal 1 al 28 febbraio 2013

INAUGURAZIONE venerdì 1 febbraio 2013

LUOGO: Galleria ACCADEMIA (fondata nel 1969)
Via Accademia Albertina, 3/e
10123 Torino - Tel. e Fax. 011 88.54.08
e-mail: info@galleria-accademia.com
Orario galleria : 10,30-12,30/16,30-19,30
Lunedì e festivi chiuso.


Sono esposte opere di:

Giulio Da Milano, Piero Dorazio, Albino Galvano, Gianbar, Francesco Menzio, Pietro Morando, Ugo Nespolo, Enrico Paulucci, Achille Perilli, Massimo Quaglino, Sergio Ragalzi, Mimmo Rotella, Piero Ruggeri, Antonio Saporito, Sergio Scanu, Luciano Schifano, Luigi Spazzapan, Francesco Tabusso, Giuseppe Tecco, Andy Warhol (multipli)

ELISEO di Frattamaggiore (NA): Sabato 09 Marzo 2013 Cena Concerto con PAOLO BELLI e la sua band


SABATO 09 MARZO 2013
concerto con

PAOLO BELLI e la Big Band
“Sotto questo sole tour” uno spettacolo coinvolgente e divertente.
Dal funk al pop, dal jazz al folk fino alla musica swing e che rendono inconfondibile lo stile di Paolo Belli.

cena ore 21:00

Composizione menu:
Antipasto - Primo - Secondo con contorno - Dolce
Acqua, vino, servizio e coperto inclusi

Drink Show ore 23:00

INFO E PRENOTAZIONI:
081 835 50 95 - 327 31 95 706

Mostra Andrea Cefaly Napoli dal 6 al 27 febbraio 2013


ANDREA CEFALY, DA NAPOLI ALL'EUROPA
Napoli , Castel Nuovo, Sala Carlo V
6-27 febbraio 2013

Presentazione 09 febbraio 2013 ore 16:30

Carnevale di Santa Lucia del Mela (ME) 12 febbraio 2013


"U' catalettu" Carnevale storico luciese che viene rappresentato per la prima volta a Santa Lucia del Mela dopo 40 anni.

Programma

Piazza Milite Ignoto:

ore 19:30 – Apertura della manifestazione con esibizione del gruppo folcloristico “I GIRASOLE” accompagnato dalla musica dei “LA COPPOLA NERA”;

ore 20:00 – “SAGRA DEI MACCHERONI” offerti dai maestri ristoratori luciesi;

ore 21:00 – “U PROCESSU A CANNALUARI” (rappresentazione teatrale curata dall’associazione culturale “PICCOLO TEATRO”);

ore 21:30 – “U CATALETTU” (il funerale del carnevale) corteo allegorico grottesco in notturna per le vie del centro storico (Piazza Milite Ignoto, via S. Maria dell’Arco, Piazza Regina Margherita, Via Garibaldi, Piazza Mons. Antonio Franco);


Piazza Mons. Antonio Franco:
ore 22.30 – Arrivo del corteo ed esibizione del gruppo folcloristico “I GIRASOLE” accompagnato dalla musica dei “LA COPPOLA NERA”;


ore 23:00 – “SAGRA DEI DOLCI DI CARNEVALE” (fraviole, chiacchiere e pignolata) offerti dai maestri pasticceri luciesi;

ore 24:00 – Chiusura della manifestazione con il “ROGO DI CANNALUARI” accompagnato dal mesto suono del “U CAMPANAZZU”;

In caso di avverse condizioni meteo la manifestazione verrà trasferita nell’aula consiliare, sita in via Pietro Nenni, del Municipio di Santa Lucia del Mela

Info
http://ucatalettucarnevaleluciese.blogspot.it

Le giornate del Bartoccio - Perugia dal 2 al 9 febbraio 2013

E' un nutrito programma di iniziative che vogliono celebrare il Bartoccio, antica maschera perugina.
Il Bartoccio appartiene ad uno strato profondo, e poco esplorato, dell’identità cittadina: è perciò importante e meritorio che se ne comincino a studiare le caratteristiche carnevalesche e i legami con la storia cittadina, per far affiorare un personaggio di notevole spessore e importanza; un modo per rafforzare quel senso di identità e di appartenenza che la civiltà moderna ha così affievolito, e che è invece così importante per rinsaldare la coesione e l’inclusione sociale.
Rafforzare l’identità locale, infatti, non significa escludere i tanti nuovi cittadini che oggi costituiscono una componente fondamentale della città: anzi, vuol dire offrire anche a loro una chiave di comprensione della città in cui vivono, e che arricchiscono con il loro contributo di lavoro, di idee e di cultura.
E la maschera del Bartoccio, capace di prendere in giro con ironia e garbo i difetti dei Perugini di ieri e di oggi, si presta bene a questo compito di inclusione.
Per rilanciare e attualizzare la nostra maschera si è costituito un apposito gruppo organizzatore, costituito da artisti e scrittori, che ha assunto la denominazione ottocentesca di Società del Carnevale: la presiede Renzo Zuccherini, mentre vice-presidente è Walter Pilini; sono incaricati della segreteria Ombretta Ciurnelli e Valter Corelli; fanno inoltre parte della Società personalità come Mario Mirabassi, direttore del Teatro di Figura di Perugia, il disegnatore Marco Vergoni, la direttrice editoriale Francesca Silvestri e l’etnomusicologo professor Giancarlo Palombini. Mettendosi a disposizione della Società, ed in collaborazione con alcune associazioni cittadine, queste persone hanno organizzato le Giornate del Bartoccio 2013, facendo seguito al successo ottenuto dalle Giornate nel 2012.
Per quest’anno, il programma prevede una settimana di incontri, attività, iniziative che, cercando di mantenersi su un buon livello culturale, facciano spazio anche al divertimento, specie sul piano della satira e della caricatura: per questo le Bartocciate tornano al centro del Carnevale perugino.
Si comincia con una anteprima: sabato 2 febbraio, il gruppo percussionistico Tetraktis darà vita a I tamburi del Bartoccio, che percorreranno le vie cittadine per annunciare il Carnevale. Nelle soste, saranno lette alcune Bartocciate di satira cittadina.
Lunedì 4 febbraio, l’Accademia del Donca ospiterà al teatro Morlacchi un pomeriggio dedicato alle tradizioni carnevalesche della città e del territorio: Il Bartoccio e gli altri, con interventi del prof. Giancarlo Baronti dell’Università di Perugia, di Walter Pilini, di Mario Mirabassi e altri, che porteranno esempi di tradizioni di varie località.
Invece mercoledì 6 febbraio sarà inaugurata, nella Sala della ex chiesa della Misericordia in via Oberdan, alla presenza dell’assessore Andrea Cernicchi e del Direttore della Biblioteca Maurizio Tarantino, la mostra Le pagine del Bartoccio, che espone documenti e testimonianze sul Bartoccio provenienti in gran parte dalla Biblioteca Augusta di Perugia, ma anche da archivi personali e dalla ormai celebre Collezione Adriano Piazzoli. La mostra è curata da Renzo Zuccherini con la collaborazione di Fabrizia Rossi, l’allestimento di Luciano Zeetti, e la grafica di Marco Vergoni. Accanto alla mostra storica sarà possibile visitare la mostra mercato dei libri sul Bartoccio, sul dialetto e sulla poesia dialettale, a cura della libreria L’Altra.
Nella stessa occasione sarà presentata anche “L’immagine del Bartoccio”, una cartella di disegni originali di Marco Vergoni dedicati al Bartoccio, con una Bartocciata di Renzo Zuccherini.
Altra conversazione giovedì 7, stavolta su argomento musicale, con proiezioni e ascolti: sarà tenuta al Teatro di Figura di Perugia dal professor Giancarlo Palombini dell’Università di Perugia sul tema I canti e la musica strumentale in Umbria.
I partecipanti potranno anche approfittare dell’occasione per fare una visita guidata alla mostra di burattini e marionette dei Mirabassi, allestita presso il Teatro di Figura.
La giornata di venerdi 8 sarà dedicata al ballo, che tradizionalmente era il punto culminante del carnevale. Si comincia alle ore 16 presso il laboratorio del Teatro di Figura in via del Castellano con una lezione pratica di saltarello e trescone, affidata agli esperti Daniele Parbuono e Chiara Albanesi: chi vorrà esercitarsi nei primi rudimenti dei due antichi balli ne avrà l’occasione. Al trescone perugino, l’antico ballo rustico oggi quasi dimenticato, ma un tempo assai fiorente nelle nostre campagne, è intitolato anche lo spettacolo (presentato dal Distretto del Sale) del noto gruppo folcloristico Agilla e Trasimeno, che si esibirà alle ore 19 in piazza Giordano Bruno.
E infine sabato 9 febbraio è la giornata conclusiva, con una serie di iniziative di assoluto rilievo: si comincia alle ore 16,30 alla Sala dei Notari, con il grande spettacolo di burattini e le nuove, esilaranti avventure del Bartoccio. Lo spettacolo si intitola Il Bartoccio alla riscossa, ed è realizzato, come già lo scorso anno, dal laboratorio Tieffeu di Perugia, con allestimento e regia di Mario Mirabassi, testi di Renzo Zuccherini, disegni di Marco Vergoni; sarà interpretato dagli attori Daniele Severi, Alessandro Sanzone e Anna Maresca, oltre che dallo stesso Mirabassi nel ruolo di narratore, e sarà accompagnato con l’organetto da Giuseppe Fioroni.
Al termine dello spettacolo di burattini, ancora nella Sala dei Notari, avremo il lancio della Canzona del Bartoccio, scritta da Renzo Zuccherini, musicata dal m° Francesco Ciarfuglia ed eseguita da Giorgio Marroni, Elena Ambrosi e Rozendo Melo.
Ma la giornata non è finita: prosegue infatti alle ore 19,00 presso l’Associazione Vivi il Borgo (C.so Garibaldi 134), con un intrattenimento musicale di Giuseppe Fioroni e Marcello Ramadori, con l’intervento, quale cantante, di Mariella Chiarini. L’intrattenimento proseguirà anche durante la cena, preparata sotto l’esperta mano di Primo Tenca con la consulenza dell’Accademia Italiana di Gastronomia Storica.
Un programma dunque che spazia su più linguaggi e che vede impegnate in prima persona personalità di primo piano della cultura cittadina.
Intanto, Il Bartoccio è diventata anche una pagina facebook, ricca di foto e immagini, che chiunque può vedere anche per chiedere, secondo lo stile fb, di diventare amici: ed infatti, diventare amici del Bartoccio è un onore e un privilegio cui nessuno può rinunciare. In pochissimi giorni, gli amici fb del Bartoccio sono già quasi ottocento.

Info
Circolo Culturale primomaggio 
Via G. Bernabei 16 - 06083 - Bastia Umbra - Perugia - Italy
cell. 346 0134774

BilBOlbul Festival internazionale di fumetto a Bologna dal 21 al 24 febbraio 2013

BilBOlbul Festival internazionale di fumetto
VII edizione
Bologna, 21-24 febbraio 2013
a cura di
Hamelin Associazione Culturale

Torna a Bologna, dal 21 al 24 febbraio 2013 l’appuntamento annuale con BILBOLBUL FESTIVAL INTERNAZIONALE DI FUMETTO, a cura di HAMELIN ASSOCIAZIONE CULTURALE. Il festival, arrivato alla sua VII edizione, trasformerà ancora una volta il capoluogo emiliano in capitale del fumetto, accogliendo in città autori e appassionati da tutto il mondo. BilBOlbul invaderà il centro di Bologna con mostre, incontri ed eventi.
Protagonista della VII edizione di BilBOlbul è Vittorio Giardino, autore bolognese affermato in tutto il mondo a lui è dedicata l’importante mostra antologica La quinta verità ospitata dal Museo Civico Archeologico.
Fuori dal territorio italiano ci trasporteranno invece le mostre di Jason (Norvegia), di Henning Wagenbreth (Germania), e di Tonto Comics (Austria). Tra gli artisti d’eccezione anche Lorenzo Mattotti, presente al festival con l’esposizione Oltremai.
Il festival darà spazio alle mostre di fumettisti e disegnatori emergenti, tra cui quella del giovane romagnolo Andrea Zoli, vincitore del concorso “Komikazen” con un graphic novel sugli ultras dal taglio sociologico ,di Silvia Rocchi, che espone le tavole del suo libro d’esordio dedicato ad Alda Merini, e di Michelangelo Setola che insieme a Edo Chieregato, presenterà una raccolta di racconti che mette al centro la marginalità e le relazioni umane.
Da sempre BilBOlbul promuove il dialogo tra il fumetto e le altre arti, la contaminazione tra i vari linguaggi. La rassegna cinematografica curata da Sergio Fant al Cinema Lumière che quest’anno guarda a Oriente, e in particolare al Giappone e ai maestri del manga.
Il ciclo di incontri, novità di questa edizione, I film della mia vita: Jason, Vittorio Giardino e Lorenzo Mattotti si racconteranno attraverso i film che hanno contribuito a definire il loro percorso artistico.
L’apertura al teatro, altra novità esclusiva, due delle più grandi figure della scena italiana: Chiara Guidi della Socìetas Raffaello Sanzio ed Ermanna Montanari del Teatro delle Albe, per la prima volta insieme nello spettacolo Poco lontano da qui, liberamente ispirato al romanzo a fumetti di Igort Quaderni russi.
Uno degli obiettivi di BilBOlbul è l’ideazione di nuovi progetti e per il 2013 è stato chiesto all’artista visiva e disegnatrice Allegra Corbo di realizzare un progetto: Il Tempio. Altra iniziativa esclusiva del festival è la “camera d’artista”, affidata ogni anno a un ospite diverso. Per il 2013 sarà Alessandro Baronciani, a lavorare in una delle stanze dell’hotel Al Cappello Rosso.

L’attenzione per i più piccoli è una delle costanti, per i giorni del festival e per tutto il mese di marzo, la sala espositiva della Cineteca di Bologna si trasformerà nella Fumettofficina.
Protagonisti di questa novità sono gli autori di Mamut, invitati a reinventare la sala espositiva della Cineteca, per creare uno spazio concepito per i visitatori più giovani del festival.
BilBOlbul propone anche incontri rivolti agli adolescenti, con il progetto di promozione della lettura “Xanadu. Comunità di lettori ostinati” che dal 2001 Hamelin porta avanti in scuole medie e superiori di tutta Italia.

Il programma completo del festival è visibile nel sito www.bilbolbul.net, è possibile seguire il festival anche grazie al blog http://www.bilbolbul.net/blog/

Ingressi al festival
Ingresso per le mostre al Museo Civico Archeologico
e al Museo internazionale e biblioteca della musica:
5 euro (intero), 3 euro (ridotto).
Tutte le altre mostre e gli incontri sono a ingresso libero.

Per info: Hamelin Associazione Culturale
tel. 051 233401
info@bilbolbul.net | www.bilbolbul.net

American Dream alla Galleria Agnellini di Brescia fino al 16 marzo 2013

Dal 29 ottobre 2012 al 13 marzo 2013 alla Galleria Agnellini Arte Moderna di Brescia si terrà la mostra AMERICAN DREAM. Esposte opere di Jim Dine, Sam Francis, Robert Indiana, Franz Kline, Robert Rauschenberg, Mark Tobey, Andy Warhol e Larry Rivers. Nel percorso espositivo alle opere si alternano esemplari d'epoca di moto Harley Davidson e Indian.

L'esposizione, attraverso opere significative di artisti espressionisti e pop che animarono la scena americana degli anni '60, vuole illustrare lo spirito di entusiasmo e di libertà che s'impose nel paese in quegli anni in cui l'arte, l'industria e l'economia parteciparono a uno slancio creativo che sconvolse le abitudini di vita. La meccanizzazione produceva già da lungo tempo oggetti di desiderio che l'arte, grazie alla Pop art, trasformò in icone moderne, rappresentazioni spesso moltiplicate di simboli di una civiltà potente e dominatrice. Gli Stati Uniti, in uno stesso slancio, seppero altrettanto bene esportare il loro modello di società e imporre un'arte che ne era il principale sostegno. L'esposizione ci mostra, in un parallelo tra le mitiche moto Harley Davidson e Indian, e le opere di artisti come Warhol, Rauschenberg, Sam Francis, Robert Indiana il rapporto sottile che esiste tra l'industria e l'arte in quegli anni di totale euforia.

Il mito americano si è costruito sulla produzione di oggetti che hanno cambiato la quotidianità degli individui apportando profonde modificazioni nella vita di ognuno. La meccanizzazione trasforma le realtà più comuni e trasforma l'animo umano. La velocità d'esecuzione dei compiti diventa uno standard illustrato dallo sviluppo dell'elettrodomestico, dell'automobile e molto altro. Questi oggetti tanto ambiti raggiungono il Pantheon di una mitologia contemporanea al pari delle opere d'arte. Moto, automobili, aerei sono le «sculture» dei tempi moderni, ideali di perfezione, oggetti di desiderio, magnifici nella loro struttura e nella loro concezione.
Insieme alle automobili nascono le prime moto. Le Indian s'imposero per prime, nel 1899. In mostra alcuni modelli del 1922, 1928, 1935 illustrano l'innovazione di moto diventate leggende e che restano tra gli oggetti mitici di quest'epoca in cui l'invenzione impone i propri sogni. L'aspetto trionfante dell'America che vince è illustrato dall'epopea Harley Davidson. La mostra propone moto del 1922, 1928, 1935, 1941 fino al 1970. La storia delle Harley appartiene alla leggenda americana che raggiunge il suo apogeo negli anni '60 con un film come Easy Rider, realizzato da Dennis Hopper nel 1969. Simbolo della gioventù e del rifiuto dei pregiudizi, Hopper incarna un cinema libertario, al limite della rottura. Con Easy Rider, road movie nichilista e metafisico dalla colonna sonora esplosiva, si crea un nuovo ordine del mondo nel quale gli artisti riconquistano il reale.

Questo spirito definisce perfettamente la generazione americana del dopoguerra il cui atteggiamento disinvolto, sperimentale e conquistatore trova la sua rappresentazione nel mondo dell'arte che si apre a tutte le possibilità. La ridefinizione dell'arte, integrando la provocazione come mezzo d'azione, così come l'ironia e
la libertà, elementi che appartengono anche al comportamento dada al quale si riferiscono artisti come Rauschenberg, s'impone in un mondo che si reinventa. L'espressionismo astratto - rappresentato nell'esposizione da Franz Kline, Mark Tobey, Sam Francis, il cui lavoro oscilla tra astrazione e figurazione - rivendica questa libertà e inventa nuove tecniche, mescolando influenze diverse come il surrealismo (subconscio, scrittura automatica, dripping), l'astrazione di Wassily Kandinsky e di Arshile Gorky e l'insegnamento di Hans Hofmann. In mostra opere di questi artisti dell'astrazione americana del dopoguerra.
La pop art rimette fondamentalmente in questione i criteri che fino ad allora avevano caratterizzato "l'opera d'arte", desacralizzando l'immagine dipinta o la scultura, e conferendo così all'oggetto artistico la dimensione di oggetto comunicante (allo stesso titolo della pubblicità), o proiettandolo nella sfera dell'oggetto industriale multiplo, proprio del consumo di massa. In mostra opere di Andy Wharol, Jim Dine e Robert Indiana, che moltiplica i messaggi d'amore e di pace ovunque nel mondo.


Inaugurazione: Sabato 27 ottobre 2012, ore 18.30


Catalogo:
Edito da Agnellini Arte Moderna, bilingue Italiano-Inglese, con testo di Dominique Stella

Inaugurazione mostra:
Sabato 27 ottobre 2012, ore 18.30

Sede mostra
Brescia, Galleria Agnellini Arte Moderna - Via Soldini 6/A

Orari
Da martedì a sabato 10.00/12.30; 15.30/19.30
Chiuso domenica e lunedì.

Informazioni al pubblico
Galleria Agnellini Arte Moderna
Via Soldini 6/A – 25124 Brescia
Tel. +39 030.2944181  Fax 030.2478801
info@agnelliniartemoderna.it; www.agnelliniartemoderna.it

Presentazione del libro “Moni Blues. Il teatro di Moni Ovadia” di Paola Bertolone all'Università di Siena il 13 febbraio 2013


Si svolgerà il 13 febbraio 2013 alle ore 17.30, la presentazione del volume “Moni Blues. Il teatro di Moni Ovadia” scritto dalla dott.ssa Paola Bertolone, ricercatrice e docente di Storia del Teatro presso l’Università di Siena, e pubblicato dalla casa editrice UniversItalia, presso il Piccolo Teatro Grassi in Via Rovello, 2 - Milano. L’ingresso è gratuito.

L’evento è stato realizzato grazie al contributo culturale e logistico del maestro Moni Ovadia, attore teatrale, e di Manuel Onorati, direttore editoriale di UniversItalia editrice.

Alla presentazione seguiranno gli interventi di: Moni Ovadia, attore teatrale, drammaturgo, scrittore, compositore e cantante italiano; Oliviero Ponte di Pino, Critico teatrale e scrittore; Paola Bertolone, Docente di Storia del Teatro, Università di Siena.

Moni Blues. Il teatro di Moni Ovadia è il primo volume interamente dedicato all’opera teatral-musicale di Moni Ovadia, soprattutto fra il 1987 e il 2009.

Introdotto dalla prefazione di Moni Ovadia Il teatrante spettatore di se stesso, il volume è impreziosito da numerose immagini e foto di scena, tra cui alcune scattate da Maurizio Buscarino, e attinge alle interviste e ai colloqui avvenuti con molti dei collaboratori di Moni Ovadia.

L’indice comprende tre sezioni:

1. Spettacoli fra oggetti materiali e immateriali;

2. Scritti di Moni Ovadia sul teatro;

3. Cronologia dei principali spettacoli ed eventi teatrali.


Spettacoli fra oggetti materiali e immateriali si suddivide in 6 capitoli: Nomi, Temi, Modelli, La citazione, Una lingua per la scena, L’attore musicista.

Nel primo, Nomi, sono oggetto di analisi le denominazioni che Moni Ovadia usa per definire i diversi spettacoli. Si va da concerto dal concerto teatrale al recital, dal dramma cantato al viaggio, dal cabaret al rito.

In Temi sono trattate alcune fra le tematiche ricorrenti nelle opere performative di Moni Ovadia: la Mitteleuropa, il comunismo, la Bibbia, la Shoà, il razzismo, la psicoanalisi ecc.

In Modelli vengono individuate alcune figure di riferimento e veri e propri Maestri che lo hanno influenzato: fra questi Roberto Leydi, Loris Rosenholtz, Haim Beharier, Rav Shmuel Rodal, Soeur Marie Keyrouz, Pina Bausch e in modo particolare Tadeusz Kantor.

La citazione affronta il metodo compositivo più utilizzato da Moni Ovadia, cioè quello per citazioni non solo di ambito testuale, ma anche gestuale, musicale, coreografico, per genere performativo.

In Una lingua per la scena si riflette sull’invenzione di una lingua yiddish adattata per la platea italiana, lingua da cui è assente la filologia e l’imitazione museificata e manierata.

L’attore musicista è dedicato alla messa a fuoco di uno degli elementi scenici più originali di Moni Ovadia, quello appunto dell’utilizzo dei suoi strumentisti in termini attorici.

La seconda sezione, Scritti di Moni Ovadia sul teatro, consiste in una raccolta di scritti sul teatro di provenienza eterogenea: programmi di sala, articoli di giornali, conferenze.

La terza, Cronologia dei principali spettacoli ed eventi teatrali, è una ricostruzione dettagliata delle tappe fondamentali della sua carriera artistica, di cui si documentano le ‘prime’.


Info

E-mail
manuel.onorati@unipass.it

Nuovo allestimento del museo Ardesio (BG) -16 febbraio 2013 - h. 16.30


Sabato 16 febbraio 2013 alle ore 16.30 presso la sede del Museo di Piazza Monte Grappa. L’amministrazione comunale di Ardesio ha deciso di riportare agli antichi splendori e di dare nuova luce al museo, individuando risorse economiche ad hoc ed affidando il nuovo allestimento alla “Cooperativa Verde – sezione culturale Artelier”. Il nome del Museo viene quindi coniato nuovamente, individuato in “MEtA” (Museo Etnografico Alta Valle Seriana). Parallelamente viene ideato il nuovo logo e programmati i laboratori didattici per le scuole.




Il museo etnografico dell’Alta Valle Seriana è stato costituito con delibera n.31 del 25 aprile 1982. La prima iniziativa programmata risale al dicembre 1982, una mostra di antiche fotografie dal tema “L’uomo e l’ambiente in alta valle Seriana” oltre ad una pubblicazione con il medesimo titolo a cura di Pino Cappellini, giornalista dell’Eco di Bergamo. Una seconda mostra, dedicata alle miniere e ai minatori dell’alta valle Seriana, ha poi consentito di raccogliere materiale e documenti utilizzati successivamente per l’allestimento di una apposita sezione del Museo etnografico. Nell’ambito delle iniziative proposte si annovera il convegno svoltosi nella sala consiliare del Comune di Ardesio il 9 giugno 1984 sul tema delle miniere della valle Seriana. L’incontro ha visto la partecipazione di tecnici, studiosi e di varie personalità tra cui Galli, Assessore alla Cultura della Regione Lombardia. Il museo in origine trovò la sua collocazione presso la Piazza del Santuario, nell’antico edificio ristrutturato chiamato “casa del pellegrino”, in comodato d’uso dalla Parrocchia S. Giorgio Martire di Ardesio.

Nomi storici o allestitori che si sono occupati dell’istallazione del museo e degli scritti

I principali fautori del museo sono stati: il sindaco Guido Fornoni, l’assessore alla cultura Elisabetta Fornoni, il geologo dott. Daniele Ravagnani che diresse il museo dalla nascita fino al 1995, Luigi Furia di Gorno, Giampietro Olivari, il sindaco Attilio Bigoni e molti altri. Un ricordo particolare va inoltre alla signora Claudia Zucchelli. Luigi Furia oltre che occuparsi degli allestimenti curò le prime pubblicazioni: “Miniere e minatori, Filatura e tessitura d’altri tempi”, “I Carbonai e i Boscaioli”. L’allestimento e la pubblicazione della quinta e sesta sezione, denominate “La casa Rurale” ambientata nell’antico edificio di via Tasso e “La calchera” antico processo di produzione della calce, allestito nel parco fluviale (museo diffuso), sono state attuate dall’allora sindaco Guido Fornoni con la collaborazione del Prof. Angelo Pasini (in seguito curatore del Museo) e del Prof. Martino Bana.

Sono decine, forse centinaia, le persone che hanno contribuito alla costruzione del museo tramite la donazione di oggetti e collaborando all’allestimento. La provenienza della collezione è stata reperita per la maggior parte nei comuni dell’alta Valle Seriana e Valle di Scalve, tramite recupero di pezzi da più campagne di ricerca. Significativa la raccolta sulle miniere da parte del prof Luigi Furia e l’acquisizione dell’ufficio tecnico delle miniere della
valle del Riso da parte del dott. Ravagnani.

Si sono avvicendati nella direzione del museo:

- dott. Daniele Ravagnani, dall’istituzione al 1995;
- dal 1995 al 2004 la direzione venne affidata all’associazione ARDES con responsabile il proprio Presidente pro tempore Prof. Angelo Pasini;
- dal 2004 il Comune ha ancora incaricato quale conservatore il Prof. Angelo Pasini;
- dal 2010 il conservatore è Fabrizio Zucchelli.

Info: Tel: +39 0346 33035 - info@comune.ardesio.bg.it

Cinema in Verticale - dal 6 febbraio al 20 marzo 2013 in Val di Susa



Si svolge dal 6 febbraio al 20 marzo 2013 la XV edizione di “Cinema in Verticale”, rassegna sul cinema e la cultura di montagna che viene organizzata dall’associazione Gruppo 33 di Condove come anteprima del Valsusa Filmfest.
Nel corso degli anni la rassegna è diventata un’attesa anteprima del Filmfest e parte integrante del ricco patrimonio culturale della Valle di Susa attraendo in ogni edizione un numeroso pubblico e svolgendo anche un'importante funzione di aggregazione e divulgazione culturale… Sono molte le persone che hanno cominciato a interessarvi all’alpinismo e alla montagna in generale grazie alle affascinanti serate di questa rassegna.
Gli appuntamenti di questa edizione, come sempre ad ingresso gratuito, si svolgeranno nei Comuni di Bussoleno, Caprie, Condove, Giaveno, Orbassano e Villardora, tutti in provincia di Torino.

La rassegna affronta varie tematiche legate alla montagna come l’alpinismo e altri sport legati alla verticalità, l’esplorazione, la salvaguardia dell’ambiente e delle specie animali, la cultura, la vita e le abitudini di piccole e grandi comunità montane. Per dibattere ed attualizzare quanto visto sul grande schermo in ogni appuntamento, oltre alla proiezione di filmati e diapositive, sono presenti ospiti tra autori e protagonisti delle immagini, alpinisti, guide alpine, scrittori ed esperti. È stata ideata come anteprima del Valsusa Filmfest nel 1999 per riservare attenzioni e riflessioni specifiche alla montagna che per gli abitanti della Valle di Susa riveste molti significati importanti quali memoria, lavoro, identità, amicizia, fatica, futuro e libertà.

L’inaugurazione della rassegna è in programa il 6 febbraio al Teatro Sandro Pertini di Orbassano con una grande serata dal titolo “Oltre i 14 ottomila” insieme a Silvio ‘Gnaro’ Mondinelli, conosciuto non solo per aver scalato tutte le 14 vette oltre gli 8000 metri di altezza senza aver fatto uso di ossigeno, quanto per i molteplici soccorsi effettuati durante le sue spedizioni extra-europee.

Il Valsusa Filmfest con il concorso cinematografico e gli eventi collaterali si svolgerà nel mese di aprile. Il termine per partecipare al concorso, di cui una sezione è dedicata alle Alpi, è fissato al 15 marzo 2013 e tutte le informazioni si possono trovare in www.valsusafilmfest.it.

LA PROGRAMMAZIONE
Il 6 febbraio di apre ad Orbassano, unico dei 6 comuni coinvolti a non far parte della Valle di Susa, con una grande serata insieme a Silvio ‘Gnaro’ Mondinelli dal titolo "Oltre i 14 ottomila".
La storica collaborazione con il Trento Film Festival porterà, il 15 febbraio a Bussoleno, la proiezione dei seguenti filmati presentati nel corso dell’ultima edizione (la 60a) del rinomato festival italiano: “Outside the box – a female tale” di Stefanie Brockhaus (GER), “Cold” di Anson Fogel (USA), “La voie Bonatti” di Bruno Peyronnet (FRA) e “Verticalmente démodé” di Davide Carrari (ITA).
Il 20 febbraio al Centro Polisportivo ‘La Sosta – Climb Cafè’ di Caprie Mauro Paradisi presenta il suo documentario dal titolo “Il treno per Oualia – Mali”.
Due serate saranno dedicate alla cultura montana con Sandro Gastinelli e Marzia Pellegrino che presenteranno due loro documentari: il 22 febbraio a Giaveno “Mari, monti e… gettoni d’oro” ovvero 70 anni della nostra storia attraverso la vita di Piero Tassone” ed il 7 marzo a Villardora "Parla de Kye” sul rito della fienagione di montagna in Valle Maudagna (CN).
Il 28 febbraio ci sarà un incontro dal titolo “1962 – la prima italiana della dell’Eiger nord” con il commento dal vivo in sala di alcuni dei protagonisti dell’epoca.
Il 6 marzo ad Orbassano Dante Alpe, fotografo naturalista ed ex guardiaparco del parco regionale Orsiera-Rocciavrè, presenterà una raccolta di fotografie e diapositive intitolate "Animali di montagna".
Il 14 marzo si torna a la 'Sosta Climb Cafè’ di Caprie con Renzo Luzi e Maurizio Puato, i due artefici della scalata della Mole Antonelliana il 15 dicembre scroso che presentano “Fotografia in equilibrio…dall’8a alla Mole Antonelliana”
Gli ultimi appuntamenti saranno in compagnia di Fulvio Mariani, il 19 marzo ad Orbassano ed il 20 marzo a Caprie con “Le mie montagne”, proiezioni di documentari realizzati per la trasmissione televisiva “Sottosopra” del canale svizzero RSI LA1


L’associazione Gruppo 33 di Condove organizza Cinema in Verticale in collaborazione con la Scuola di Alpinismo e Sci Alpinismo Carlo Giorda, con i CAI di Bussoleno, Giaveno e Orbassano, con i Comuni di Condove, Orbassano, Villardora e Caprie, con il Centro Polisportivo “La Sosta” – Climb Cafè e con il Trento Film Festival.

Addetto Stampa: Gigi Piga - cell. 3480420650 – Email. ufficiostampa@valsusafilmfest.it

PROGRAMMA

MERCOLEDI’ 6 Febbraio - ore 21.00
ORBASSANO – Sala Teatro “Sandro Pertini”, via Mulini 1
la sezione CAI di ORBASSANO presenta
“Oltre i 14 ottomila” di e con Silvio (Gnaro) Mondinelli

VENERDI’ 15 Febbraio - ore 21.00
BUSSOLENO – Salone Teatro “Don Bunino”
la sezione del CAI di Bussoleno presenta in collaborazione con TrentoFilmFestival 60a ed. 2012, la proiezione di
“Outside the box – a female tale” di Stefanie Brockhaus (GER)
“Cold” di Anson Fogel (USA)
“La voie Bonatti” di Bruno Peyronnet (FRA)
“Verticalmente démodé” di Davide Carrari (ITA)

MERCOLEDI’ 20 Febbraio - ore 21.00
CAPRIE – centro polisportivo “La Sosta” – Climb Cafè
Mauro Paradisi presenta "Il treno per Oualia - Mali”

VENERDI’ 22 Febbraio - ore 21.00
GIAVENO – Sede CAI
Marzia Pellegrino e Sandro Gastinelli presentano “Mari, monti e… gettoni d’oro”
70 anni della nostra storia attraverso la vita di Piero Tassone

GIOVEDI’ 28 Febbraio - ore 21.00
CONDOVE – Salone Parrocchiale
Andrea Mellano, Armando Aste, Pier Lorenzo Acquistapace, Romano Perego, Franco Solina e Gildo Airoldi in
“1962 – la prima italiana della nord dell’Eiger”
con il commento dal vivo in sala di alcuni dei protagonisti dell’epoca

MERCOLEDI’ 6 Marzo - ore 21.00
ORBASSANO – Sala Teatro “Sandro Pertini”
la sezione CAI di ORBASSANO presenta Dante Alpe – fotografo naturalista. "Animali di montagna" visti da un ex-guardiaparco

GIOVEDI’ 7 Marzo - ore 21.00
VILLARDORA – Centro Sociale
Marzia Pellegrino e Sandro Gastinelli presentano “Parla de Kye”
il rito della fienagione di montagna, in valle Maudagna (CN)

GIOVEDI’ 14 Marzo - ore 21.00
CAPRIE – centro polisportivo “La Sosta” – Climb Cafè
Renzo Luzi e Maurizio Puato presentano “Fotografia in equilibrio…dall’8a alla Mole Antonelliana”

MARTEDI’ 19 Marzo - ore 21.00
ORBASSANO – Sala Teatro “Sandro Pertini”, via Mulini 1
la sezione CAI di ORBASSANO presenta Fulvio Mariani ne “Le mie montagne”
documentari realizzati per la trasmissione televisiva “SOTTOSOPRA” del canale svizzero RSI LA1

MERCOLEDI’ 20 Marzo - ore 21.00
CAPRIE – centro polisportivo “La Sosta” – Climb Cafè
Fulvio Mariani ne “Le mie montagne”
documentari realizzati per trasmissione televisiva “SOTTOSOPRA” del canale svizzero RSI LA1

La festa del fuoco e delle tradizioni è in Romagna dal 26 febbraio al 3 marzo 2013






40 appuntamenti, dal 26 febbraio al 3 marzo, fra tradizioni popolari, cultura e cucina rurale. Coinvolti vari comuni delle province di Ravenna, Forlì, Ferrara e Bologna


Tradizioni popolari, cultura e cucina rurale sono i tre elementi che si combinano per ridare vita in Romagna a un antico rito: i Lòm a Merz: fuochi magici nelle Romagne.

L’edizione 2013, dal sottotitolo “Per custodire un dono, un rito, una tradizione”, è in programma da martedì 26 febbraio a domenica 3 marzo, nelle aie e nelle case di campagna di diversi Comuni fra le province di Ravenna, Forlì-Cesena, Ferrara e Bologna: Faenza, Brisighella, Casola Valsenio, Riolo Terme, Bagnacavallo, Gambellara, San Pietro in Campiano, Sant’Alberto, Savarna, Russi (tutti in provincia di Ravenna), Imola (Bo), Modigliana (Fc) e Argenta (Fe).

Qui verranno accesi dei grandi falò attorno ai quali si svolgeranno oltre 40 iniziative e incontri sulla tradizione e la cultura contadina romagnola, fra balli, spettacoli, mostre mentre sarà possibile degustare vini e cibi tipici dell’ enogastronomia locale. Ad animare le serate ci saranno scrittori, cuochi, sommelier, maestri artigiani, cantastorie, antropologi.

I primo appuntamento, martedì 26 febbraio, andrà in scena a Villa Corte di Brisighella e avrà anche l’obiettivo di richiamare l’attenzione, a quasi un anno dal sisma, sul territorio emiliano sconvolto dal terremoto, per non far “morire” i ristoranti e le botteghe storiche di quelle zone. Infatti, l’appuntamento sarà arricchito dalla presenza degli chef dell’osteria “La Lanterna di Diogene” di Bomporto (Modena) - gestita dai ragazzi della Cooperativa sociale "Lanterna di Diogene" che si occupa di giovani con differenti abilità - e i produttori aderenti all’iniziativa “Ristoranti Aperti”, promossa da “CheftoChef emiliaromagnacuochi” con l’obiettivo di invitare il pubblico a recarsi “almeno una volta” a mangiare o a comprare prodotti nelle zone terremotate.

La giornata di Brisighella, che sarà adatta per adulti e bambini, avrà inizio alle ore 16 con il laboratorio di educazione alimentare condotto da Daniele De Leo. A lui il compito di illustrare le “locandine d’Autore” realizzate, con il contributo della Provincia di Ravenna, dalle opere pittoriche dell’artista Egidio Miserocchi, autore di venti originali opere d’arte, che saranno esposte in questa occasione, dedicate alle eccellenze gastronomiche della Romagna, realizzate con l’antica tecnica a “encausto” (pigmenti naturali miscelati con cera e acqua). Per ogni prodotto raffigurato, le locandine riportano anche delle ricette, curate da Gianna Giani, e le informazioni nutrizionali, a cura di Luca La Fauci.

A seguire, altri protagonisti, fra i quali: il “fulesta” raccontastorie Sergio Diotti che reciterà favole per bambini; i musicisti Roberto Bartoli e Paola Sabbatani che canteranno attorno al fuoco. A chiudere, prima della parte dedicata alla gastronomia che proporrà la degustazione di piatti tradizionali romagnoli e emiliani, “A l’inféran” (l’inferno) dalla Divina Commedia con Giuseppe Bellosi che leggerà in dialetto.

La Romagna è una terra storicamente votata all’agricoltura. E l’agricoltura, come molte altre attività “all’aperto” era, ed è tutt’ora, soggetta alle avversità metereologiche. Così la tradizione contadina del passato voleva che per scongiurare la malasorte venissero fatti dei riti propiziatori, come i fuochi magici: i “Lòm a Merz” (i lumi di marzo). L’accensione di falò propiziatori intendeva celebrare l’arrivo della primavera e invocare un’annata favorevole per il raccolto nei campi, ricacciando il freddo e il rigore dell’inverno. Il suo significato era quello di incoraggiare e salutare l’arrivo della bella stagione, bruciando i rami secchi e i resti delle potature. Per questa occasione ci si radunava nelle aie, si intonavano canti e si danzava intorno ai fuochi (al fugarèn), mangiando, bevendo e soprattutto divertendosi.

L’edizione 2013 dei “Lòm a Merz” vede, tra gli altri, la partecipazione delle condotte di Ravenna, Godo e Faenza di Slow Food Emilia Romagna.


Programma completo della manifestazione su http://www.illavorodeicontadini.org/


Azzurro come il pesce a Cesenatico (FC) dal 15 al 17 marzo 2013


Dal 15 al 17 marzo 2013 torna la rassegna gastronomica “Azzurro come il pesce”, un occasione per poter gustare l’ottima qualità del pesce azzurro dell’Adriatico.

Dal 15 al 17 marzo Cesenatico ospita la 13^ edizione di “Azzurro come il pesce”, kermesse culinaria dedicata alla valorizzazione del prodotto “principe” della cucina locale, ovvero il pesce azzurro, e alla promozione della ristorazione di qualità.
Per il quarto anno consecutivo la manifestazione si svolgerà non solo nella sede storica della Colonia Agip ma anche nel centro cittadino, dove verranno predisposti punti di somministrazione e sarà possibile degustare i piatti tipici della tradizione marinara locale a modici prezzi. In Piazza del Monte, verrà allestita una grande tensostruttura che ospiterà gli stand gastronomici delle associazioni di pescatori "Tra il cielo e il mare" e "Pescatori a Casa Vostra" e dei volontari di Avis e Amici della CCILS.
La Colonia Agip accoglierà come sempre, i cuochi dell’ A.RI.CE. – Associazione Ristoratori Cesenatico – che cucineranno gustosi manicaretti, utilizzando solo ed esclusivamente pesce fresco dell’Adriatico, come sardine, acciughe, alici, paganelli o sgombri.
La Pescheria Comunale straordinariamente resterà aperta al pubblico anche la domenica.
Lungo il Porto canale leonardesco e nelle vie del centro storico, verranno organizzate manifestazioni ed iniziative culturali volte alla riscoperta delle antiche tradizioni marinare del territorio.
A conferma della volontà di tutti i soggetti coinvolti nell’organizzazione dell’evento – Comune di Cesenatico, Gesturist Cesenatico Spa, A.RI.CE, Coop. Pescatori, Confesercenti, Confcommercio – di valorizzare e promuovere il prodotto locale, è stato stilato un disciplinare estremamente dettagliato sulle specie ittiche che si potranno commercializzare nel corso delle tre giornate, che non ammette l’utilizzo da parte degli operatori presenti, di pesce di importazione.
A tal proposito è stato costituito un comitato, composto dai rappresentanti delle istituzioni e delle associazioni organizzatrici, con precise funzioni di indirizzo e di controllo sulla qualità dei prodotti commercializzati.

Gli stand gastronomici resteranno aperti dalla cena di venerdì alla cena di domenica (orari: dalle 11.30 alle 15.30 e dalle 18.00 alle 22.00).

Per l’occasione Cesenatico Turismo propone uno speciale pacchetto alberghiero che comprende 2 notti in hotel 3 stelle con prima colazione, ingresso al Museo della Marineria, buoni pasto per gli stand alla Colonia Agip a soli 79,00 euro a persona.

Per info e prenotazioni: 0547 673287 
info@cesenaticoturismo.com 

Twitter Delicious Facebook Digg Stumbleupon Favorites More