Cantanti anni 60, 70 e 80, ospiti Vip, tribute band, spettacoli di burlesque, cabaret, animazioni per bambini, teatrino burattini, trampolieri, folk romagnolo, pizzica salentina, ecc... per sagre, locali ed eventi privati.
Per info: 334 2098660
italia-eventi@libero.it

Una "panchina rossa" a Russi (RA) per giornata mondiale dell’eliminazione della violenza contro le donne


Martedì 24 novembre 2020, la Vice Sindaco Anna Grazia Bagnoli e l'Assessore alle pari opportunità Jacta Gori, insieme all'operatrice di Linea Rosa Gabriella Provinzano, hanno posizionato una panchina rossa nel giardino della Casa della Salute di Russi in occasione della giornata mondiale dell'eliminazione della violenza contro le donne.

La panchina è stata decorata dalla russiana Vanessa Zanzelli, illustratrice ed esperta di comunicazione di genere.

L'inaugurazione ufficiale avverrà non appena la situazione sanitaria lo permetterà.

 

La favola della panchina rossa

“C'era una volta una panchina vecchia, molto vecchia, che nessuno più voleva.

Un bel giorno la fata con i riccioli biondi chiese alla fata con gli occhiali cosa si poteva fare con una panchina così vecchia e logora, perché volevano dare una nuova vita ad un oggetto che pareva che una vita non l'avesse più.

Pensa che ti ripensa, alle due fate venne un'idea: chiamarono la maga dei pennelli e le chiesero di dipingerla, in omaggio a tutte le donne vittime di maltrattamenti.

La maga dei pennelli lavorò giorno e notte, notte e giorno e alla fine mostrò alle due fate il lavoro compiuto.

E così, un bel giorno di novembre in occasione della giornata mondiale per l'eliminazione della violenza contro le donne, la panchina sfoggiò il suo nuovo vestito rosso e con l'aiuto della polverina magica per volare donata dalle due fate, volò fino al giardino dove le persone si vanno a curare.

Si appostò sotto un bell'albero dalle lunghe fronde e attese e attese e attese... finché arrivò la dama amica delle donne e, insieme alle due fate e alla maga dei pennelli, dedicarono quel luogo a tutte le donne vittime di violenza.

Questa può sembrare solo una bella favola, ma invece è la realtà: se un giorno, passando nel giardino della Casa della salute di Russi vi volgete a guardare sotto l'albero, potrete fare un saluto anche voi alla panchina che ha avuto una nuova vita e che l'ha dedicata alle donne.”

0 commenti:

Posta un commento

Twitter Delicious Facebook Digg Stumbleupon Favorites More