Cantanti anni 60, 70 e 80, ospiti Vip, tribute band, spettacoli di burlesque, cabaret, animazioni per bambini, teatrino burattini, trampolieri, folk romagnolo, pizzica salentina, ecc... per sagre, locali ed eventi privati.
Per info: 334 2098660
italia-eventi@libero.it

A Due. L’Art Brut nella collezione Giacosa-Ferraiuolo di Roma fino al 30 gennaio 2022


S
abato 25 settembre 2021 con la mostra A Due. L’Art Brut nella collezione Giacosa-Ferraiuolo si inaugura a Roma SIC12 Art Studio, primo spazio espositivo in Italia dedicato alla ricerca e alla diffusione dell’Art Brut e ai dialoghi possibili con l’arte contemporanea.

L’esposizione, dopo essere stata presentata con grande successo in Francia nel 2020 presso la Galerie Zola/Cité du Livre di Aix-en-Provence, giunge a Roma accompagnata da un ricco programma di eventi collaterali organizzati in collaborazione con l’Università La Sapienza e con il patrocinio del Comune di Roma – VIII Municipio.

Il percorso espositivo propone un viaggio nell’ Art Brut, nozione creata dall’artista francese Jean Dubuffet nel 1945 per indicare un’arte cruda, viscerale, che ha origine nell’intima necessità dell’artista, scevra da modelli di riferimento, stilemi e percorsi accademici.
In mostra opere di artisti spesso inconsapevoli, che realizzano le loro opere in luoghi o situazioni d’isolamento, ospedali psichiatrici, carceri, talvolta in condizioni di disabilità, senza la ricerca di condivisione o riconoscimento. Venti autori tra i più rappresentativi di questa corrente artistica: dagli storici Aloïse Corbaz e Carlo Zinelli a scoperte più recenti fra cui Franco Bellucci e Giovanni Galli e ancora Roger Angeli, Éric Derkenne, Janko Domsic, Iréne Gérard, Josef Hofer, Dwight Mackintosh, Michel Nedjar, Masao Obata, Marilena Pelosi,Profeta Royal Robertson, Friedrich Schröder Sonnenstern, Lewis Smith, Charles Stefen, Dominique Thèâte, William Tyler, Eugene Von Bruenchenhein.
Gustavo Giacosa e Fausto Ferraiuolo, collezionisti e curatori della mostra spiegano che il due evoca in loro non soltanto aspetti opposti o complementari di una stessa realtà, quanto la tensione attiva verso l’Altro. Il desiderio come medium che ci conduce a l’Altro. Per questo gli artisti che presentano sono riuniti attorno a tre nuclei tematici: il desiderio dell’altro ovvero l’evocazione di un altro diverso da sé, il rapporto amoroso sia esso sublimato o negato. Il desiderio di sé, ovvero il confronto con sé stessi e con la propria immagine, lo specchio e i suoi fantasmi. E infine il desiderio di diventare un altro, la metamorfosi.

SIC12 Art Studio
Via Francesco Negri 65, Roma
tel. 06/92599626
Per visitare la mostra o partecipare agli eventi collaterali è necessario prenotarsi sul sito

0 commenti:

Posta un commento

Twitter Delicious Facebook Digg Stumbleupon Favorites More