Cantanti anni 60, 70 e 80, ospiti Vip, tribute band, spettacoli di burlesque, cabaret, animazioni per bambini, teatrino burattini, trampolieri, folk romagnolo, pizzica salentina, ecc... per sagre, locali ed eventi privati.
Per info: 334 2098660
italia-eventi@libero.it

METAFISICA DELLA MATERIA - Mostra personale di Claudio Cermaria a Genova fino al 13 novembre 2021

 



Sabato 30 ottobre 2021 a partire dalle ore 16:00, si apre, nelle suggestive sale di Palazzo Stella a Genova, la mostra personale di Claudio Cermaria (1942 – 2014) “Metafisica della materia” a cura di Andrea Rossetti. La mostra resterà aperta fino al 13 novembre 2021 con orario dal martedì al venerdì 9:30–13:00/15:00–19:00, il sabato 15:00–19:00.

 

Partiamo da un errore, quello d'incancrenirsi sull'oggettualità del prodotto scultoreo, immaginarlo come un organismo indipendente da necessità esterne. La sua creazione è si una parabola di ricerca materica, diretta a “svelarne” attitudini concreto-formali. Però solo al termine di questa parabola - decisamente soggettiva - quel prodotto compie la sua missione, il piccolo miracolo catartico di non subire lo spazio ma invaderlo, cementandosi all'interno di esso. Come disse Fausto Melotti, «in scultura ciò che conta è l'occupazione armonica della spazio».

Claudio Cermaria l'aveva pronosticato da tempo, sapeva che il suo “essere scultore” non significava unicamente dedicarsi ai materiali ed alle loro potenzialità segnico-plastiche, ma farsi promotore di un'arte pronta a vivere in piena partnership col mondo che la circonda. Quasi l'atto stesso della scultura tendesse a contraddire i termini della sua fattiva certezza, formulandosi come una sorta di compromesso fisico giocato tra la sua esistenza in quanto materia (legno, marmo, pietra) e non materia, forma descritta (diretta) e forma ricavata (indiretta), sostegno concreto di pieni e vacuità infinita dei vuoti.

Il legame incorso tra Cermaria e Umberto Mastroianni non è un caso; non è un caso che nel rapportarsi alla scultura del maestro, Cermaria abbia saputo concepire e tradurre quella spinta di tensione plastica, necessaria ad attivare nel proprio modo d'intuire la scultura e i suoi intrecci plastici una “patologia della movimentazione”. Sviluppare “l'anima” di quelle evoluzioni è stato - ed è ancora oggi - dare anima alla materia, attraversarne la natura fisica fino ad estrarne la validità metafisica. È la fisica di Cermaria, che sconfina nella controparte metafisica di lavorazioni soggette ancora una volta ad una “patologia della gravitazione”, supposta convinzione che l'opera possa in sé rescindere l'obbligatorietà dell'attrazione terrestre. Come se l'atto michelangiolesco di estrarre forma dalla materia includesse quello di portare la materia a librarsi per sé stessa, impadronendosi in pieno delle potenzialità del proprio tutto tondo. Perché no, anche distaccandosi dalla funzionalità del piedistallo, oggetto di una messa in discussione attraverso cui Cermaria sembra aver voluto proseguire l'onda d'urto scatenata dal pensiero di Arturo Martini, e dall'azione di Eliseo Mattiacci.

 

L’apertura si svolgerà in accordo con tutte le normative vigenti per garantire la massima sicurezza dei visitatori. Si informa che a partire dal 6 agosto, in ottemperanza all'ultimo decreto legge per il contenimento dell'emergenza Covid-19, è necessario esibire il GREEN PASS.

0 commenti:

Posta un commento

Twitter Delicious Facebook Digg Stumbleupon Favorites More