Cantanti anni 60, 70 e 80, ospiti Vip, tribute band, spettacoli di burlesque, cabaret, animazioni per bambini, teatrino burattini, trampolieri, folk romagnolo, pizzica salentina, ecc... per sagre, locali ed eventi privati.
Per info: 334 2098660
italia-eventi@libero.it

DISTORSIONI - Mostra personale di Alberto Marubbi a Genova fino al 12 febbraio 2022

 


Sabato 29 gennaio 2022 dalle ore 17:00
SATURA Palazzo Stella

DISTORSIONI
mostra personale di Alberto Marubbi
a cura di Flavia Motolese

 aperta fino al 12 febbraio 2022

dal martedì al venerdì ore 9:30–13:00 / 15:00–19:00

sabato ore 15:00–19:00

 

Sabato 29 gennaio 2022 a partire dalle ore 17:00, si apre, nelle suggestive sale di Palazzo Stella a Genova, la mostra personale di Alberto Marubbi “Distorsioni” a cura di Flavia Motolese.

 

“Noi prendiamo una manciata di sabbia dal panorama infinito delle percezioni e la chiamiamo mondo”  Robert M. Pirsig

 

Come suggerisce il titolo “Distorsioni”, lo sguardo di Alberto Marubbi sul mondo è atipico e concettuale, in grado di rompere il classico schema del nostro modo di vedere. La sua opera artistica riflette sui concetti di percezione, rappresentazione e identità, costruendo immagini che questionano costantemente sulla struttura alla base della conoscenza. L’artista si muove tra il riconoscimento e l’astrazione, creando percorsi interpretativi inattesi.

Manipolando delle fotografie di paesaggio, precedentemente scattate, ottiene dei panorami sferici, delle proiezioni stereografiche. Il risultato di questo effetto è che il paesaggio tradizionale, diventato circolare, sembra un pianeta fluttuante nello spazio circostante. C'è una strana bellezza surreale in queste distorsioni: l’alterazione della normale distanza dei punti dell’oggetto dall’asse ottico annulla il carattere referenziale e descrittivo delle cose e la sintetica calibratura di questa visione stereoscopica a 360° trasforma la fotografia in un catalizzatore gnoseologico.

La distorsione dello spazio genera uno straniamento che determina una percezione diversa, amplificata: l’immagine così condensata assume un carattere simbolico, rappresentando la ciclicità della vita e della morte in un eterno divenire e ricominciare, quasi come un samsara: il ciclo di vita, morte e rinascita. La configurazione sferica di queste opere simboleggia l'idea che la vita non finisce mai e tutto è interconnesso.

Marubbi sembra voler ricordare che il mondo quale lo si vede, e nel quale si vive, altro non è che miraggio e illusione, perciò è sufficiente decontestualizzare i paesaggi e gli oggetti che ne fanno parte perché questi diventino forme astratte e finzione, trasformando lo spazio fisico in quello psicologico. Modificando la realtà attraverso ricerche plastiche e spaziali è possibile cogliere le tensioni e il mistero dello spazio e del tempo, mostrando la relazione con l'infinito.

 

La mostra resterà aperta fino al 12 febbraio 2022

dal martedì al venerdì 9:30-13:00 / 15:00-19:00, il sabato 15:00-19:00

 

L’apertura si svolgerà in accordo con tutte le normative vigenti per garantire la massima sicurezza dei visitatori. Si informa che, in ottemperanza all'ultimo decreto legge per il contenimento dell'emergenza Covid-19, è necessario esibire il GREEN PASS.

0 commenti:

Posta un commento

Twitter Delicious Facebook Digg Stumbleupon Favorites More